Anziana raggirata in Valdonega, bottino da 100mila euro per il truffatore

L'uomo è entrato nella casa della vittima senza che lei se ne accorgesse e poi, parlando con lei, è riuscito a farsi aprire la cassaforte e a farsi consegnare un ingente quantità di denaro e preziosi

(Foto di repertorio)

I carabinieri di Verona stanno verificando se grazie a qualche telecamera piazzata in zona Valdonega è possibile fare qualche significativo progresso nell'indagine sul raggiro subito da un'ottantenne veronese martedì scorso, 21 maggio, intorno all'ora di pranzo. Un abile truffatore è riuscito ad entrare nella casa della donna e parlando con lei è riuscito a farsi aprire la cassaforte e a farsi consegnare soldi e gioielli per un valore stimabile intorno ai centomila euro. La donna ha poi telefonata ad una delle sue figlie, la quale ha capito che la madre era stata derubata e ha subito chiamato i carabinieri.

La vittima è anziana, ma è autosufficente e vive da sola. Ed è stata lei a riferire ai militari quanto le era accaduto. Il truffatore l'ha vista mentre rientrava in casa dopo aver fatto la spesa e le ha chiesto gentilmente se le servisse una mano. Lei ha risposto di no, ma non si è accorta che l'uomo la seguiva e di nascosto è entrato in casa con lei. Quando la padrona di casa l'ha visto, lui ha raccontato di essere stato mandato dall'amministratore di condominio per controllare la caldaia e i rubinetti, onde evitare fughe di gas che in altre abitazioni avevano provocato degli incendi. Questi roghi, ha spiegato il malvivente, potevano essere innescati anche dalla filigrana delle banconote o dai gioielli. Con questa scusa, l'uomo è riuscito a farsi dare il denaro e i preziosi contenuti nella cassaforte, dileguandosi dopo aver salutato l'ignara vittima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna ha anche fornito una descrizione dell'uomo che l'ha truffata, un signore sulla quarantina e riccio, indossava vestiti eleganti e parlava un italiano senza forti inflessioni dialettali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Colpito dal Coronavirus, è morto il campione delle bocce venete Giuliano Mirandola

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

  • Covid-19, nuova impennata di casi a Verona, ma prosegue il calo dei ricoveri

Torna su
VeronaSera è in caricamento