Fiocco rosa (e a strisce) nel Parco Natura Viva. È nata la tapira Ester

Già dopo due settimane correva su e giù per il proprio reparto con tanta energia, ma mamma Irene non le permette di allontanarsi troppo

Ancora per qualche mese le strisce longitudinali bianco panna di Ester spiccheranno sul suo manto arruffato marrone scuro, come accade a tutti i tapiri sudamericani appena nati.

La piccola è venuta alla luce al Parco Natura Viva di Bussolengo in un pomeriggio d’inizio estate, verso l’imbrunire e già dopo due settimane correva su e giù per il proprio reparto con tanta energia. Mamma Irene non le permette di allontanarsi troppo. Papà Rondel sonnecchia all'ombra, defilato e assente dalle cure parentali.

"L’equilibrio familiare dei nostri 3 tapiri sudamericani è stato stabilito dal carattere estroverso e deciso di mamma Irene, che con Ester è già al suo secondo parto - ha commentato Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva - Sebbene abbia partorito senza aiuti da parte dell’uomo, il lungo travaglio ci ha tenuto sempre pronti ad intervenire. Dalla rottura delle acque abbiamo dovuto attendere più di 24 ore prima di veder arrivare Ester, bella e sana insieme alla sua mamma". 

Ribattezzato il giardiniere della foresta, il tapirus terrestris è una tra le più grandi specie di mammifero terrestre sudamericano, animale chiave per il mantenimento della biodiversità dei propri habitat. Vulnerabile di estinzione, le sue popolazioni si sono ridotte del 30% negli ultimi 30 anni.

"La sua piccola proboscide prensile serve ad afferrare foglie e piccoli semi della frutta, è in grado di coprire lunghe distanze, è un ottimo nuotatore e fertilizza grandi territori - ha precisato Caterina Spiezio - Ma deforestazione e bracconaggio lo stanno confinando sempre di più nelle aree protette delle zone settentrionali e centrali del Sudamerica. Al di fuori di esse, il tapiro sudamericano è già scomparso dalle foreste tropicali del nord dell’Argentina e del sud del Brasile, oltre che dalla foresta di Caatinga nel Brasile Orientale e dalle Ande colombiane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vivevano alle spalle della coppia e facevano prostituire la donna: arrestati

  • Ladri acrobati si arrampicano fino al quinto piano e svaligiano l'appartamento

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

Torna su
VeronaSera è in caricamento