Vandalismo a Negrar, tagliato il rosso al tricolore del monumento ai caduti

L'atto vandalico è avvenuto nella frazione di Prun ed è stato segnalato anche via Facebook dall'ex consigliere comunale Giuseppe Righetti

La bandiera dell'Italia vandalizzata (Foto Facebook - Giuseppe Righetti)

Un danneggiamento insolitamente preciso dovuto al vento o un più probabile atto di vandalismo? La risposta dovranno darla i carabinieri di Negrar a cui l'ex consigliere del comune valpolicellese Giuseppe Righetti si è rivolto, segnalando uno sfregio avvenuto al tricolore che sventola sul monumento ai caduti in guerra di Prun, una frazione del comune di Negrar di Valpolicella. Alla bandiera italiana è stata tolta la parte rossa, lasciando sull'asta dunque la parte verde e bianca.

Oltre che ai carabinieri, Righetti ha segnalato l'accaduto anche attraverso il suo profilo Facebook, pubblicando la foto della bandiera «mutiliata», come l'ha definita lui. «Non voglio pensar male, però a volte ci si indovina», ha commentato Righetti, ipotizzando una possibile motivazione politica dietro all'atto vandalico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Comunque sono pronto a rimettere al suo posto la nostra amata bandiera senza nessuna spesa», ha annunciato sempre via social Giuseppe Righetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Coronavirus: a Verona crescono casi positivi e decessi: ricoveri ancora in calo

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus in Borgo Roma: calo ricoveri in intensiva nel Veronese

  • Covid-19, altri 33 tamponi positivi in provincia di Verona. Aumentano anche i "negativizzati"

Torna su
VeronaSera è in caricamento