Stranieri residenti nel veronese: quanti sono, dove vivono e da dove vengono

Cestim (centro studi sull'immigrazione) ha rielaborato i dati Istat e ha recentemente presentato un dossier. All'inizio del 2017 risultava che la provincia di Verona era abitata da 921.557 cittadini, di cui gli immigrati residenti sono 104.842

(foto di repertorio)

Sono immigrati residenti in provincia di Verona tutti quei cittadini che non hanno la cittadinanza italiana e che risiedono in uno dei 98 comuni scaligeri. Per conoscere quanti sono e se la loro presenza è cambiata nel tempo, Cestim (centro studi sull'immigrazione) ha rielaborato i dati Istat e ha recentemente presentato un dossier in cui si legge che all'inizio del 2017 risultava che la provincia di Verona era abitata da 921.557 cittadini, di cui gli immigrati residenti sono 104.842, 54.557 femmine e 50.285 maschi. Il valore percentuale è dell'11.4%, significa che poco più di un cittadino su dieci residente nel veronese non è italiano.

Per sapere se la loro presenza è cambiata bisogna confrontare questo dato con quelli degli anni passati. Si scopre che dall'1 gennaio 2016 all'1 gennaio 2017 gli stranieri residenti sono diminuiti di 2.207 unità, diminuzione che continua dal 2015. Ma rispetto a 15 anni fa, il loro aumento è stato grande. Nel 2002 gli immigrati residente in provincia di Verona erano 36.277. Nel 2007 sono raddoppiati (72.459). Nel 2012 sono arrivati a 94.464 unità e quindi rispetto a 5 anni fa sono aumentati dell'11%.

Negli ultimi due anni, comunque, gli stranieri residenti nel veronese sono calati, un calo dovuto e all'acquisizione della cittadinanza italiana e alla cancellazione dall'anagrafe perché partiti per andare a vivere altrove.

Cestim non si è limitata solo a confrontare il dato sulla presenza con il passato, ma ha anche approfondito i dati Istat. Sminuzzando il numero complessivo dei residenti stranieri, si può notare che i minori sono 24.211 e la loro presenza rispetto al totale dei minori nel veronese è leggermente più alta (15,4%) rispetto al totale che comprende anche i maggiorenni.

Si può inoltre dividere il dato sul territorio, così da vedere che ad esempio nel Comune di Verona gli immigrati residenti sono 35.245 (il 13,6% del totale dei residenti nel comune capoluogo). Dopo Verona, i comuni dove è maggiore la presenza di stranieri residenti sono nell'ordine: San Bonifacio, Villafranca, San Giovanni Lupatoto, Bussolengo, Legnago, Valeggio sul Mincio, San Martino Buon Albergo, Bovolone, Zevio, Sona e poi via via tutti gli altri.

San Bonifacio è il comune veronese secondo per numero complessivo di stranieri residenti, ed è secondo anche se si guarda alla percentuale degli stranieri rispetto al totale dei residenti nei singoli comuni. A Verona infatti è del 13,6%, mentre a San Bonifacio è del 18% e a Nogarole Rocca addirittura del 22%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine Cestim ha messo in ordine le diverse nazionalità, per conoscere da dove provengono la maggior parte degli stranieri residenti in provincia di Verona. La comunità più numerosa è quella romena, poi vengono Marocco, Sri Lanka, Moldova, Albania, India, Cina, Nigeria, Ghana e Serbia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento