menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porta via il figlio autistico da una clinica tedesca. Madre fermata a Peschiera

Con sé aveva anche l'altro figlio di 9 anni ed era stata ospitata da alcuni parenti. La donna è stata ricoverata in psichiatria a Bussolengo. Il figlio disabile è stato riportato in Germania

Erano le 19 di giovedì 28 settembre, quando gli zii di R.G., un ragazzo di 21 anni affetto da autismo, avvertivano molto preoccupati le forze dell'ordine di Peschiera del Garda. Il ragazzo si era allontanato dall'abitazione in cui era stato ospitato da qualche giorno insieme alla madre e al fratello di 9 anni. Quello che gli zii non sapevano era che il ragazzo era stato portato via da una clinica di Rotenburg, in Germania, e per questo era ricercato dalle autorità tedesche in tutti i paesi dell'area Schengen.

Grazie anche alle indicazioni telefoniche di un conoscente, le ricerche si sono presto concluse con il ritrovamento del ragazzo a Peschiera da parte degli agenti della polizia ferroviaria. Gli uomini della Polfer si sono assicurati che le condizioni del 21enne fossero buone e hanno accertato che era stata la madre a portarlo via dalla clinica tedesca.

La donna, riferiscono dalla Questura, era già duramente provata da un vissuto drammatico e aveva maturato l’ossessiva e infondata convinzione che le autorità volessero sottrarle il figlio. Tale convinzione aveva portato la donna a rifiutare tutte le proposte di aiuto concreto che le venivano dai parenti e dalle autorità, fino a scappare insieme ai suoi due figli attraverso vari paesi europei, dove i tre vivevano per strada sprovvisti di documenti e denaro. Il suo intento finale era quello di tornare nel paese d'origine, l'Albania.

A causa del suo stato psichico e delle sue reazioni aggressive, la donna è stata sottoposta ad accertamenti sanitari coattivi nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Bussolengo.

Grazie alla collaborazione prestata dal comandante della polizia locale di Peschiera e all'intervento dei servizi sociali, il figlio di 9 anni è stato temporaneamente affidato agli zii, sotto l'egida della procura per i minori di Venezia. Inoltre, sono stati attivati i servizi di collaborazione internazionale di polizia per assicurare il ritorno in sicurezza del ragazzo scomparso nella struttura tedesca affidataria o per assicurargli la soluzione più idonea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento