Fermati con 65 cavi elettrici in rame nel bagagliaio: indagati tre stranieri

I poliziotti delle volanti hanno notato i tre viaggiare a bordo dell'auto con la ruota di scorta appoggiata sul sedile posteriore e, sospettando che nascondessero qualcosa nel vano posteriore, gli agenti hanno provveduto alla perquisizione, trovando i materiali

I cavi rinvenuti dagli agenti

Continuano i casi di furto e ricettazione di rame in provincia di Verona. Un controllo su strada effettuato dai poliziotti delle volanti ha infatti portato ad indagare, in stato di libertà, tre cittadini della Moldavia, con l’accusa di ricettazione in concorso di cavi elettrici di grosso diametro contenenti al loro intento rame.

IL CONTROLLO - Si tratterebbe di ben 65 fili, di varia lunghezza: dagli 80 cm ai 4 metri, con incisi la dicitura “ceatcavi 12720 KV"; riguardo ad essi la polizia sta raccogliendo ogni utile indizio per risalire al sito dal quale sono stati espiantati. Il controllo è scattato alle 11.00 di ieri mattina in via Barana, dove i poliziotti, al transito dell’autovettura sulla quale viaggiavano i tre moldavi, precisamente un’Audi A6 con targa inglese, hanno notato la presenza della ruota di scorta sui sedili posteriori. Il particolare ha indotto gli agenti a controllare gli occupanti del mezzo come pure a verificare il contenuto del bagagliaio che, una volta aperto, ha permesso di rinvenire e sequestrare i cavi di rame tranciati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VECCHIA SCUSA - Le spiegazioni addotte dai tre di aver ricevuto in regalo il materiale in questione da un non meglio precisato rumeno; ovviamente tale versione non ha convinto gli agenti che hanno condotto i tre in Questura. E’ verosimile che il rame sequestrato sia di pertinenza della vicina e dismessa fabbrica “Tiberghien” i cui referenti sono stati già informati della vicenda per verificare se la ricostruzione degli agenti possa essere veritiera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento