Sprovvisto di biglietto sul treno aggredisce i controllori e ferisce due agenti della polfer

L'uomo arrestato è un cittadino 30enne della Guinea con numerosi precedenti

Agenti della polizia ferroviaria in azione a Verona - immagine d'archivio

Nell’ambito dei servizi straordinari di prevenzione e controllo, pianificati in occasione delle festività pasquali, la polizia ferroviaria di Verona Porta Nuova ha intensificato i controlli con l’ausilio di unità cinofile e metal detector. Solo nella giornata di venerdì 19 aprile sono state controllate oltre 150 persone e 170 bagagli, nonché 9 autovetture.

Sempre venerdì i poliziotti sono intervenuti su un treno in partenza per Bolzano, a causa della presenza a bordo di un uomo senza titolo di viaggio, il quale si era sottratto ai controlli del personale FS, aggredendo e spintonando gli operatori. Il viaggiatore è stato pertanto arestato dagli agenti. Si trattava di K.M., un cittadino della Guinea di 30 anni, il quale dopo avere insultato e minacciato pure gli agenti che lo stavano identificando, si è scagliato contro di loro finendo con il provocare leggere contusioni a due operatori della polfer.

Una volta svolti gli accertamenti identificativi nei confronti del 30enne, è stato appurato che il giovane aveva a carico numerosi precedenti penali per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, interruzione di pubblico servizio, porto abusivo di oggetti atti ad offendere, furto aggravato e violazione della normativa sul soggiorno degli stranieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato, inoltre, era già destinatario di un ordine, disposto dal questore di Verona lo scorso 1 aprile, di lasciare il territorio dello Stato. Provvedimento a cui, evidentemente, non aveva ancora ottemperato. Una volta condotto dinanzi all’autorità giudiziaria nella mattinata di sabato 20 aprile, il giudice ha convalidato l’arresto e applicato a K.M. la misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento