Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Muore in sala d'attesa, in 53 finiscono sotto inchiesta

Medici e infermieri indagati per omicidio colposo dopo che un uomo di 47 anni, che da tempo lamentava dolori, ha perso la vita nella sala d'attesa aspettando l'intervento di un dottore

Tragedia nella sala d'attesa dell'ospedale di Verona. Un uomo di 47 anni è morto mentre attendeva di essere visitato. Per oltre un mese aveva lamentato dolori e chiesto di essere seguito. La vicenda ora è al vaglio della magistratura alla quale i familiari hanno presentato una denuncia, attraverso l'avvocato Maurizio Milan, con la quale hanno chiesto di effettuare l'autopsia e il sequestro della cartella clinica. Lunedì verrà conferito l'incarico al medico legale individuato dal pm Elvira Vitulli e in quella occasione i 53 tra medici e infermieri indagati per l'ipotesi di omicidio colposo avranno la possibilità di nominare un consulente. Cinquantatre indagati, un numero elevatissimo che con tutta probabilità trova una spiegazione nel fatto che per settimane lui lamentò dolori e chiese di essere visitato.

"Esprimo le mie condoglianze alla famiglia e assicuro che ogni aspetto della vicenda sarà chiarito operando con estrema attenzione e assoluta trasparenza - dichiara in una nota l'assessore alla sanità del Veneto, Luca Coletto - Ho già chiesto alla dirigenza sanitaria una relazione sull'accaduto e sulle modalità dei rapporti intercorsi tra la struttura curante e il paziente". "In questo momento - ha aggiunto l'assessore - non è il caso di esprimere ulteriori giudizi, che sarebbero prematuri, in attesa degli esiti dell'autopsia, che potranno fornire risposte importanti e più certe, e del lavoro della magistratura, alla quale assicuro, come sempre, massima e trasparente collaborazione". In questo momento la Procura scaligera ha aperto un fascicolo d'indagine sull'accaduto, sperando di fare rapidamente luce su questa triste vicenda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore in sala d'attesa, in 53 finiscono sotto inchiesta

VeronaSera è in caricamento