menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltratta la madre per 10 anni per avere i soldi per droga e alcol

Avrebbe anche occupato l'appartamento della donna, quando questa è stata costretta ad allontanarsi per motivi sanitari. Arrestato dai carabinieri di Valeggio sul Mincio, l'uomo è stato portato nel carcere di Montorio

Le indagini, iniziate a marzo 2020, avrebbero permesso di accertare che da circa 10 anni la madre veniva maltrattata dal suo stesso figlio. 
Sono stati i carabinieri della stazione di Valeggio sul Mincio a trarre in arresto Z.T., classe 1974 originario di Castiglione delle Stiviere residente nel Comune veronese, ma di fatto senza fissa dimora. Divorziato e disoccupato, nei suoi confronti la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Verona ha emesso un ordine di esecuzione per la carcerazione. 

Secondo quanto riferisce l'Arma, il figlio risulterebbe essere un tossicodipente e un alcolista, le cui richieste di denaro, se non venivano soddisfatte, lo avrebbero portato a distruggere qualsiasi tipo di oggetto presente in casa. Richieste diventate oramai pressoché quotidiane, che avrebbero causato un grave danno economico alla donna e un forte stato d'ansia. Come se non bastasse, la madre sarebbe stata costretta da motivi sanitari ad allontanarsi momentaneamente dall'abitazione, che sarebbe stata occupata dal figlio, il quale ne avrebbe preso possesso rifiutandosi di restituirle le chiavi e costringendola ad andare a vivere altrove. 
Il culmine di questi incresciosi episodi sarebbe stato raggiunto con l'aggressione fisica di Z.T., che avrebbe colpito la donna con uno schiaffo causandole 20 giorni di prognosi. 

Raccolti gli elementi sulle condotte del figlio, i carabinieri hanno chiesto e ottenuto dall’Autorità Giudiziaria, a maggio 2020, un provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e conseguente divieto di avvicinarsi alla parte offesa. Per tali fatti inoltre, Z. T. è stato successivamente condannato a 2 anni e 11 mesi di reclusione, nonché 2 mila euro di multa, per i reati continuati di rapina aggravata ed estorsione, commessi dall’anno 2010 al maggio 2020 in danno della madre.
In seguito a tale condanna, l’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale scaligero ha inviato l’ordine di esecuzione per la carcerazione ai carabinieri di Valeggio che, dopo alcuni giorni di ricerche e di appostamenti, hanno rintracciato e tratto in arresto l'uomo. Al termine delle formalità di rito, Z.T. è stato quindi condotto alla casa circondariale di Montorio, dove dovrà espiare la sua pena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento