Cronaca Badia Calavena / Grotta Volpi

Una task force di speleologi alla conquista di Grotta Volpi

La cavità di Badia Calavena torna ad interessare gli esperti, con la sua profondità di 265 metri e il suo fondo a -65 e con le sue interessanti formazioni di "capelli d'angelo"

Nel territorio scaligero continua l'interesse per la natura e i suoi misteri. Un gruppo di speleologi torna infatti ad esplorare Grotta Volpi. Si tratta di una cavità, dello sviluppo di 265 metri con una profondità che arriva ai -65, che si apre, nascosta da un tombino, sotto una delle ultime case dell’omonima contrada. Tra gli elementi di interesse la ricchezza di concrezioni delle volte e la presenza di numerosi "capelli d’angelo", un’esplorazione non difficile per speleologi esperti, a patto che sia svolta quando non sussista rischio di pioggia, che potrebbe renderla pericolosa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una task force di speleologi alla conquista di Grotta Volpi

VeronaSera è in caricamento