Arrestati padre, madre e figlia per produzione e spaccio di stupefacenti

Un'intera famiglia di Bussolengo arrestata dai Carabinieri per produzione e spaccio di droga. Dopo diversi appostamenti i militari sono entrati nell'abitazione, dove hanno rinvenuto circa 7 chili di marijuana oltre a 700 euro in contanti

I Carabinieri della Stazione di Bussolengo hanno tratto in arresto i tre componenti di una famiglia del luogo, per produzione e spaccio di sostanze stupefacenti. I militari a conclusione di una serie di appostamenti, avendo notato movimenti sospetti di persone presso l’abitazione degli arrestati, vi hanno fatto irruzione rinvenendo e sequestrando una dozzina di piante di marijuana, per un peso complessivo di sette chilogrammi, circa 500 grammi di sostanza stupefacente già essiccata e imbustata per la vendita e 700 euro ritenute provento di pregresso spaccio.

Per la produzione domestica la marijuana veniva piantata nel giardino sul retro dell’abitazione, essiccata nella taverna debitamente attrezzata e illuminata con luce artificiale nella doccia del bagno; il prodotto finito sulla piazza è venduto a 10 euro al grammo. Il padre 52enne, la madre 47enne e la figlia 23enne, nativi di Bussolengo, sono comparsi stamattina davanti al giudice del Tribunale di Verona per il rito direttissimo, a seguito del quale è stato convalidato il loro arresto con detenzione domiciliare per il capo famiglia e remissione in libertà delle due donne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento