Residente a Verona e sposato con un'italiana: espulso per terrorismo 29enne tunisino

L'uomo era ritenuto essere vicino ad ambienti dell'estremismo islamico

Era residente a Verona, sposato con una donna italiana, il cittadino tunisino di 29 anni che, secondo quanto riportato dall'Ansa, è stato espulso per motivi di ordine e sicurezza pubblica. L'uomo era infatti ritenuto essere vicino ad ambienti dell'estremismo islamico.

Il 29enne aveva aveva diversi precedenti penali alle spalle e di recente era stato arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, dopo aver aggredito due membri dell'Associazione Nazionale Carabinieri, al grido di "Allah akbar", mentre erano impegnati nel servizio d'ordine di una manifestazione sportiva.

Il cittadino tunisino, a seguito della scarcerazione, è stato condotto presso il Centro per i Rimpatri di Torino e da qui è stato poi espulso dal suolo italiano venendo imbarcato su un volo diretto per Tunisi. Con quest'ultima espulsione avvenuta nella giornata di sabato 30 giugno, sono salite a quota 60 le espulsioni nel corso del 2018, mentre sono 287 dall'inizio del 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento