Si è spento a 85 anni Dante Ferroli, l'imprenditore che fondò l'omonimo gruppo termomeccanico

Si trovava all'ospedale Mater Salutis di Legnago da alcuni giorni per svolgere degli accertamenti e nel corso della mattinata è venuto a manacare, lasciando la moglie Anna e le tre figlie

Dante Ferroli, fondatore e presidente dell'omonimo gruppo termomeccanico, si è spento questa mattina all'ospedale Mater Salutis di Legnago. 

Il Cavalier Ferroli avrebbe compiuto 86 anni il prossimo 17 dicembre e si trovava ricoverato nel nosocomio da qualche giorno per eseguire alcuni accertamenti. L'uomo, che aprì la prima fabbrica a San Bonifacio nel 1955, lascia tre figlie e la moglie Anna. 

La cerimonia funebre si svolgerà nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Monteforte d'Alpone, dove l'imprenditore abitava, giovedì alle 15.30, mentre già da mercoledì pomeriggio sarà allestita la camera ardente all'interno dell'azienda. 
Ferroli aveva portato la propria azienda ad un sviluppo tale da diventare una realtà costituita da 21 società distribuite in 15 nazioni. 14 di queste inoltre vantavano stabilimenti di produzione in Viet Nam, Cina, Polonia, Italia, Spagna e Turchia, che garantivano fatturato superiore ai 500 milioni di euro. Solamente nella sede ubicata nella provincia veronese lavoravano circa 900 persone e sponsorizzava in campo sportivo alcune squadre del territorio e non solo. 
I dipendenti che da una settimana presidiavano la sede dell'azienda in segno di protesta, hanno deciso di sospendere la manifestazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Tamponamento tra auto e tir, sei feriti: uno è grave. Coinvolti due bambini

Torna su
VeronaSera è in caricamento