Va a fare la spesa al supermercato: carabiniere in borghese sventa il furto

Il militare aveva concluso il proprio turno e si era recato al punto vendita Lidl di Lazise, dove due uomini hanno attirato la sua attenzione ed ha deciso di tenerli d'occhio, restando in contatto con il Comando

Gli arnesi da scasso e l'immagine del carrello con la spesa all'interno

Anche quando sono fuori servizio, il senso del dovere del carabinieri li spinge a non sorvolare su quelle situazioni che potrebbero portare ad un crimine, nonostante ad un primo sguardo non sembrerebbero degne di nota. Così nel pomeriggio di martedì a Lazise, l'appuntato Emanuele Luberto si è trovato nella situazione di poter sventare un furto al supermercato, pur avendo da poco concluso il proprio servizio. 

Intorno alle 17, ovviamente in abiti borghesi, il carabiniere si è recato al punto vendita Lidl, dove ha notato due giovani uomini intenti a riempire un carrello di merce anche molto costosa: erano presenti infatti anche rasoi e profumi, per un valore complessivo di alcune centinaia di euro. Il militare allora ha preferito tenere d'occhio i due stranieri, notando che nel frattempo uno di loro era uscito dal market e da fuori gesticolava con il suo conoscente. L'appuntato allora ha avvisato la stazione comandata dal luogotenente Gian Luca Battaglia, avvisando che qualcosa non tornava. 
Infatti l'uomo uscito all'esterno aveva avvicinato l'auto, una Renault Clio, all'uscita e aveva fatto scattare le fotocellule dell'entrata, così da consentire al complice di recarsi fuori senza dover passare dalle casse e con l'idea di caricare quanto prima la merce in auto per tagliare la corda. A quel punto però il carabiniere si è qualificato, intimando ai due di fermarsi, ma questi hanno iniziato a strattonare e spingere l'operatore nel tentativo di guadagnarsi la fuga: in quei concitati momenti però sono arrivati i rinforzi precedentemente avvisati, che hanno arrestato i due in flagranza del reato di rapina impropria

DSC_0904-2

Si trattava di due uomini di origini romene, classe 1986 e 1987, con alle spalle precedenti proprio per furti e rapine nei supermercati. L'auto inoltre risultava presa a noleggio da una compagnia all'aereoporto di Bologna, a bordo della quale sono stati rinvenuti anche alcuni arnesi da scasso. 
I due ora sono a disposizione dell'autorità giudiziaria, in attesa dell'udienza di convalida che si dovrebbe celebrare giovedì.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento