Bimba in Rianimazione a Verona dopo infezione da tetano: «Condizioni stazionarie»

Secondo alcune indiscrezioni la bambina non sarebbe stata vaccinata

Siringa per il vaccino - immagine di repertorio

Una bambina di 10 anni residente nella provincia veronese è al momento ricoverata nel reparto di Rianimazione pediatrica dell'ospedale della donna e del bambino in Borgo Trento a Verona, a seguito di un'infezione da tetano.

Stando alle indiscrezioni emerse, la piccola non sarebbe vaccinata e pertanto non sarebbe stata sottoposta alla profilassi antitetanica. In un primo momento l'azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona si era limitata a confermare solo il ricovero della bambina, precisando che la prognosi era riservata.

Nelle ultime ore, in merito alle condizioni di salute della bambina che ha contratto il tetano, l'azienda ospedaliera ha comunicato in via ufficiale che «attualmente la paziente è ancora ricoverata in Terapia Intensiva Pediatrica dell'Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento» e che «le condizioni sono stazionarie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento