menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assemblea Alpini in Gran Guardia e sfilata in Bra puntando al grande "sogno 2020"

Appuntamento domenica cullando un sogno chiamato "Adunata Nazionale 2020" a Verona: "Sappiamo che l'anno che ci attende sarà importantissimo - commenta il presidente sezionale, Luciano Bertagnoli - perché saremo sotto la lente dell'Assemblea Nazionale"

Mai come quest'anno, quello di domenica mattina in Gran Guardia sarà un appuntamento imperdibile per le Penne Nere veronesi. Perché se da sempre l'Assemblea ordinaria sezionale dei delegati dei gruppi della sezione scaligera dell'Associazione Nazionale Alpini è occasione per fare il punto sullo stato di salute dell'associazione in riva all'Adige, questa volta all'ordine del giorno non potrà mancare un riferimento al «sogno 2020».

Dopo l'ufficialità arrivata a fine febbraio da Vittorio Veneto dove si era tenuto il 119esimo incontro tra i presidenti del terzo Raggruppamento (Triveneto) che avevano approvato all'unanimità il sostegno alla candidatura di Verona per l'Adunata Nazionale 2020, ora le Penne Nere scaligere sono chiamate a darsi da fare per raggiungere l'obiettivo. Riportare in città il grande appuntamento a trent'anni esatti di distanza dall'ultima volta (era il 13 maggio 1990).

«Sappiamo che l'anno che ci attende sarà importantissimo perché saremo sotto la lente dell'Assemblea Nazionale - commenta il presidente sezionale, Luciano Bertagnoli -. Il nostro impegno dovrà essere totale, proprio come fatto nell'anno appena concluso. Un anno di laboriosità e volontariato in cui abbiamo fatto davvero di tutto, con una presenza capillare ad ogni evento». Basti ricordare, su tutti, il successo in termini di partecipazione al pellegrinaggio nazionale sull'Ortigara. Ma già si pensa a Trento e all'impegno per l'Adunata: «Quest'anno siamo pronti a battere ogni record in termini di partecipazione degli alpini veronesi a un'adunata nazionale - promette Bertagnoli -. Saremo a Trento con la nostra "Casa Verona" e ad oggi abbiamo già raccolto circa mille prenotazioni. Vogliamo stupire ed essere nel cuore di tutti gli alpini d'Italia».

A ottobre, poi, si conoscerà il verdetto dell'Assemblea Nazionale che dovrà prendere in esame le candidature arrivate dal resto d'Italia. Ma a Verona tutti sono pronti a giocare la propria parte. Alle 7.45 il cappellano sezionale, don Rino Massella celebrerà la Santa Messa nella chiesa di San Luca di corso Porta Nuova, accompagnato dal coro ANA Amici della Baita di Lugagnano.

I lavori dell'Assemblea inizieranno a partire dalle 9 e prevedono anche le votazioni per i delegati che saranno a Milano per partecipare all'Assemblea Nazionale ANA, nel corso della quale si conoscerà finalmente la città destinata a ospitare l'Adunata 2020. A seguire, sono previste le relazioni del presidente, del tesoriere e del presidente dei revisori dei conti. Prevista l'illustrazione del bilancio consuntivo 2017 e del bilancio preventivo 2018. Nel corso della mattinata saranno consegnati il premio "Alpino dell'anno", il premio sportivo "Anti", il premio "Volontario dell'anno Protezione Civile".

«E per la prima volta consegneremo anche il premio "Fedeltà alla Montagna"» ricorda Bertagnoli. Sono annunciate le presenze del sindaco Federico Sboarina, dell'assessore regionale Elisa De Berti, del vice presidente della Provincia Pino Caldana e del generale Claudio Rondano del Comando delle Forze Operative terrestri di supporto dell'Esercito. Al termine dell'assemblea, gli alpini sfileranno in piazza Bra per deporre una corona alla targa del 6°  Reggimento alpini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento