Aveva fatto perdere le sue tracce, arrestato latitante: ora dovrà scontare oltre 3 anni

Si tratta di un pregiudicato 34enne tunisino destinatario di un ordine di carcerazione, residente nel Livornese ma domiciliato a San Bonifacio e tratto finalmente in arresto dai carabinieri a Dueville nel Vicentino

Nella tarda serata di ieri, venerdì 6 ottobre, i carabinieri della Stazione di San Bonifacio, con la collaborazione di quelli della Tenenza di Dueville, hanno arrestato un 34enne pregiudicato tunisino, regolare sul territorio italiano, destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Verona.

L’uomo, residente nel Livornese ma per un lungo periodo domiciliato a San Bonifacio, da qualche tempo aveva fatto perdere le sue tracce spostandosi nel territorio vicentino. Le ricerche dei militari dell’Arma di San Bonifacio hanno però consentito di rintracciare ed arrestare il ricercato a Dueville nella provincia berica. Quest'ultimo è stato poi tradotto presso la Casa Circondariale di Vicenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grazie alla notifica del provvedimento, oltre a dover pagare di una multa di 350 euro l’uomo dovrà ora scontare una reclusione di 3 anni, 3 mesi ed 1 giorno, cumulo di pene per reati contro il patrimonio, contro la persona e contro i pubblici ufficiali commessi tra il 2011 ed il 2017 nei territori di San Bonifacio ed in altri della provincia di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento