Alta Velocità, favorevoli in piazza. No Tav: «Soldi buttati in un'opera inutile»

Lettera aperta del comitato Cittadini contro il disastro Tav per chi manifesta in piazza Bra per l'Alta Velocità: «Invece che una nuova Tav sfruttiamo maggiormente la linea già esistente che è sottoutilizzata»

Treno (Foto di repertorio)

Invece che buttare i soldi per questa inutile Tav si potrebbe incrementare l'occupazione andando a mettere in sicurezza il territorio italiano e riparare il dissesto geologico ambientale che è stato creato continuando a cementificare, asfaltare e costruire anche in zone pericolose, intubando torrenti e fiumi con i conseguenti disastri sempre più numerosi: ci sarebbe lavoro per decine di migliaia di operai.

Termina così la lettera aperta scritta dal membro del comitato Cittadini contro il disastro Tav Dino Porto. Un lettera aperta scritta a nome di tutto il comitato proprio alla vigilia della grande manifestazione di questa mattina, 15 dicembre, in piazza Bra a Verona. Fino alle 12, i veneti favorevoli all'Alta Velocità faranno sentire la propria voce all'ombra dell'Arena. E i No Tav rispondono, punto per punto, ad ogni motivazione che spinge i Sì Tav veneti a sostenere l'opera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dicono che ci collegherà all'Europa, ma con la Francia e soprattutto con gli altri Stati europei siamo già collegati e alla Francia non interesserà un bel niente scendere fino a Torino per sviluppare le proprie relazioni commerciali con i paesi dell'Est, lo fa già in maniera molto più ottimale attraverso Germania, Polonia e Austria - scrive Dino Porto nella lettera aperta del comitato - Dicono che porterà sviluppo e occupazione, ma soltanto alle ditte che la costruiranno. Si costruirebbe una nuova linea ferroviaria, attraversando campagne, zone agricole pregiate e interessando anche decine di abitazioni che verrebbero espropriate, con i treni che si fermerebbero nelle stesse città di adesso, però impiegando 15 minuti in meno rispetto alle Frecce della tratta Milano-Venezia. I pendolari dovranno continuare a prendere i treni regionali, sporchi, sovraffollati, freddi d'inverno e caldi d'estate e molto spesso non in orario. I treni merci, se non convogli speciali appositamente costruiti e che attualmente non esistono, non potranno utilizzare l'Alta Velocità, prova ne è che fino ad oggi di treni merci sulle tratte esistenti come la Torino-Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli non se ne sono visti.
Invece che una nuova Tav sfruttiamo maggiormente la linea già esistente visto che la tratta Milano-Venezia è sottoutilizzata e c'è tutto lo spazio per aumentare il numero dei treni veloci e merci. Ma il primo suggerimento sarebbe quello di aumentare, soprattutto nelle ore di punta, il numero dei treni regionali perchè operai e studenti tutti i giorni sono costretti a viaggiare in maniera indecente e sempre in ritardo. Sostengono che la Tav serve a incrementare l'occupazione. C'è ben altro modo di usare i nostri soldi: aumentiamo i treni sia regionali sia veloci, ma soprattutto facciamoli funzionare bene e in orario, curiamo la manutenzione e gli impianti di sicurezza.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento