menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Blocco diesel Euro 4 e smog: sarà il vento a spazzare via i divieti?

Dopo aver preso il via il 19 febbraio, il provvedimento si conclude nella giornata di lunedì: sarà il bollettino Arpav a metterci la parola fine o a sancirne il prolungamento

Si concluderà oggi, 25 febbraio, il blocco diesel Euro 4 iniziato il 19 per tutti i comuni inseriti nell'Accordo del Bacino Padano? Sarà il bollettino Arpav a stabilirlo. In questi giorni il vento che ha soffiato sul Veneto ha fatto scendere le concentrazioni di polveri sottili al di sotto del livello di allerta fissato sui 50 microgrammi per metro cubo, come mostrato dai dati pubblicati dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, dalla quale si attende la definitiva conferma del miglioramento della qualità dell'aria per interrompere il provvedimento. 

Sull'argomento sono tornati anche i consiglieri comunali del Partito Democratico di Verona, Federico Benini ed Elisa La Paglia, i quali si chiedono se le targhe alterne non siano una misura più semplice da rispettare, soprattutto per le fasce meno abbienti. 

Bene il tavolo di coordinamento con i Sindaci della cintura metropolitana ma l’amministrazione del comune capoluogo deve cominciare a prendere per le corna il “toro” dell’inquinamento: non si può pensare, ogni inverno, di far dipendere dai bollettini Arpav la mobilità di una fetta sempre più consistente della popolazione. Quest’anno le limitazioni riguardano fino agli euro 4 ma l’anno prossimo riguarderanno anche gli euro 5 perché così prevede l’accordo tra le regioni. All’atto pratico il disagio indotto è inutile oltre che ingiusto perché colpisce principalmente le classi più deboli che non hanno risorse sufficienti per cambiare l’automobile. A questo punto erano più democratiche le targhe alterne.
Si risparmi ai veronesi questa inutile e ingiusta agonia adottando le misure strutturali necessarie a mitigare gli effetti dell’inquinamento, andando oltre le opere bandiera che l’amministrazione si è prefissata. Di tutte le nuove piste ciclabili annunciate ad oggi non ne è partita neanche una. Meglio concentrarsi sui collegamenti intraquartierali più facili da realizzare. Il Central Park è un’opera meritoria, ma è ormai chiaro che i suoi tempi saranno lunghissimi e non sarà come Sboarina l’aveva annunciato. Il trasporto pubblico deve essere potenziato per renderlo attrattivo e concorrenziale rispetto al mezzo privato, perciò non si può attendere il filobus, le corsie preferenziali vanno moltiplicate da subito. Non comprendiamo come abbia potuto il Sindaco far bocciare in Consiglio la nostra proposta per la forestazione attorno ad autostrade e tangenziali, tenuto conto che era stata approvata anche dalla Quinta Circoscrizione e che fu un suo cavallo di battaglia quando era assessore all'Ambiente di Tosi....

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento