Hellas Verona - Palermo, le probabili formazioni | «Serve una partita coraggiosa»

Grosso si prepara ad affrontare la capolista senza Colombatto, che probabilmente verrà sostituito da Dawidowicz, e con il dubbio in attacco tra Pazzini e Di Carmine

Fabio Grosso

Dopo la pausa per le nazionali, la Serie B torna con l'anticipo delle 21 di venerdì, che mette di fronte allo stadio Bentegodi Hellas Verona e Palermo per la tredicesima giornata. 

Sono momenti difficili quelli vissuti in casa gialloblu. Dopo la brutta sconfitta di Brescia, il tecnico Grosso è stato messo in discussione e riconfermato con riserva da Setti, che così facendo ha scatenato l'ira della tifoseria, pronta a "scioperare" già in questo match. Solo una vittoria può riportare un pizzico di pace sulle sponde dell'Adige. 
Lanciatissimi in campionato, i rosanero arrivano da quattro vittorie ed un pareggio conquistati nelle ultime cinque partite, che li hanno proiettati in vetta alla classifica. Con un successo al Bentegodi, la formazione guidata da Stellone diventerebbe ancora di più il cavallo su cui fare la corsa per chi intende aggiudicarsi il campionato. 

QUI HELLAS VERONA - «I tifosi? Una situazione complessa, ma è determinante che domani la squadra faccia il possibile per riavvicinare la gente allo stadio e, per farlo, possiamo solo fare risultati. So benissimo che questo sport ti mette di fronte a tante soddisfazioni ma anche tante difficoltà, bisogna affrontarle con ottimismo e coraggio. Con Setti? Con il Presidente ho parlato, mi ha detto il suo pensiero. Io rimango determinato e coraggioso nel mio lavoro per cercare prestazioni superiori rispetto alle ultime gare e so che questa squadra ha qualità. Purtroppo non stiamo facendo quello che volevamo fare, ma non voglio cercare alibi perché a me piace lavorare e ora dobbiamo cercare di fare una prestazione che riavvicini la gente. Un Verona non ancora squadra? Siamo un gruppo con tanta qualità e l'ho sempre detto. La squadra ha un'unione d'intenti, anche se in questi momenti vedendo le reazioni non stiamo facendo bene, ma dentro di noi dovremo trovare le forze per fare una partita coraggiosa contro una squadra con valori importanti in questo campionato. Le mie scelte? Al di là di chi scenderà in campo dobbiamo ritrovare il nostro spirito, penso che in queste circostanze può essere positivo affrontare la squadra capolista. Per noi questa è una partita importante, in cui dobbiamo e vogliamo far vedere che siamo diversi da ciò che abbiamo dimostrato nelle ultime partite».
Queste le parole del tecnico alla vigilia, riportate dal sito ufficiale dell'Hellas. Come detto, la sfida rischia di essere decisiva per Fabio Grosso, che nonostante la fiducia della società incassata in settimana, sente traballare la propria panchina. Il tecnico dovrebbe restare fedele al suo 4-3-3, salvo ripensamenti che porterebbero allo schieramento di due punte di ruolo ed un centrocampo più folto. In difesa ci saranno quasi certamente Marrone e Caracciolo, mentre sulle fasce Crescenzi, Balkovec e Almici si giocano due posti. In mediana pesa l'assenza dell'infortunato Colombatto, che sarà probabilmente sostituito da Dawidowicz e affiancato da Henderson e Zaccagni. In attacco dovrebbero partire dal primo minuto Matos e Ragusa, mentre per il posto di punta centrale sono sempre in ballottaggio Pazzini e Di Carmine. 

QUI PALERMO - «Bentegodi semi-deserto? A noi non dovrebbe cambiare nulla, ma più che altro loro potrebbero avere qualche svantaggio di tifo. Noi dobbiamo andare lì e affrontare la partita con la giusta determinazione, affrontiamo una squadra di alto livello che sta vivendo un momento di crisi. Ma non dobbiamo adagiarci, perché è una squadra forte su tutti i reparti, per loro domani potrebbe essere la partita della svolta: giocare contro la prima in classifica. Noi proveremo a vincere. Il modulo potrebbe cambiare, è ancora tutto da valutare. Serviranno attenzione e concentrazione, perché quella è sempre determinate. Struna ha avuto un problema, quindi non sarà convocato come Ingegneri e Lo Faso».
Così Stellone nella conferenza stampa di venerdì. L'allenatore dei rosanero dovrà anche fare i conti con le condizioni dei giocatori di rientro dalle nazionali e potrebbe quindi apportare alcune modifiche e schierare un 3-4-1-2 con uno tra Pirrello e Szyminski in difesa con Bellusci e Rajkovic. Chochev dovrebbe affiancare Jajalo in mezzo al campo, mentre Falletti sarà di sostegno alla coppia Moreo-Nestorovski. 

ARBITRO - Aleandro Di Paolo della sezione AIA di Avezzano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Caso Balotelli, la Curva Sud dell'Hellas Verona risponde con ironia

Torna su
VeronaSera è in caricamento