Domenica, 24 Ottobre 2021
Politica

"Verona Emergenza" festeggia i 25 anni di attività

Un convegno il 15 settembre celebra un quarto di secolo di Suem 118 che presenterà anche una nuova automedica acquistata grazie al contributo di alcuni sponsor

Un milione e mezzo di interventi, 18 milioni di chilometri percorsi dai mezzi di soccorso in questi 25 anni. Il SUEM 118 di Verona compie venticinque anni e li festeggia sabato 15 settembre con un Convegno che avrà luogo, dalle ore 11 alle ore 13.00 , presso la Sala Auditorium della Gran Guardia, aperto anche alla popolazione. Dopo il saluto delle autorità è prevista la presentazione delle attività e dei programmi futuri del SUEM. Seguirà in piazza Brà l’inaugurazione di una nuova automedica con atterraggio di un elicottero.

 Il 118 di Verona è il Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica per la Provincia e costituisce un vero e proprio sistema per la gestione di tutte le emergenze sanitarie. Il servizio copre un’area di 3097 km quadrati, con una popolazione di oltre 950.000 abitanti, con punte stagionali molto più elevate, servita da 8 ospedali pubblici e 2 strutture private convenzionate, compresi in 3 Unità Locali Socio Sanitarie e una Azienda Ospedaliera.

La Centrale Operativa provinciale è il cuore del sistema: il coordinamento è garantito da un rapporto ormai consolidato, e regolamentato con specifici protocolli operativi, con le strutture di riferimento delle tre ULSS della provincia, individuate nei servizi di Pronto Soccorso e nelle sedi degli Enti che operano nel soccorso sanitario. La centrale operativa riceve le chiamate e, sulla base delle informazioni fornite dall’utente, attiva il mezzo di soccorso più idoneo e territorialmente competente. Al sistema fanno capo oltre 40 basi ambulanze, ubicate presso gli ospedali, i servizi di Pronto Soccorso, le sedi degli Enti di volontariato e ditte private, nonché la stazione del Soccorso Alpino di Verona.

 Verona è inoltre uno dei poli regionali dell’elisoccorso. L’elicottero, che ha base presso il Lungadige Attiraglio, con a bordo un’èquipe di rianimazione e tutto il materiale sanitario necessario per la terapia intensiva, interviene in ambito provinciale ed extra-provinciale in supporto ai mezzi che operano via terra.  

La Centrale Operativa, che monitorizza costantemente la situazione dei posti letto di area critica, è in grado inoltre di garantire il ricovero del paziente direttamente dal luogo di insorgenza della patologia acuta all’ospedale più idoneo ad effettuare le procedure di diagnosi e terapia. Il SUEM 118 (Servizio 118 Verona Emergenza) ha i seguenti compiti: raccogliere e coordinare le richieste di intervento sanitario, assistendo l’utente sino all’arrivo dei soccorsi organizzati; utilizzare le risorse più appropriate, in base alla gravità dell’evento; monitorare le risorse disponibili (mezzi, equipe, posti-letto); organizzare e gestire le macro e maxi-emergenze; assumere iniziative formative nel campo dell’emergenza extra-ospedaliera; trasporto trapianti organo Il SUEM si caratterizza per la necessità di coordinare un sistema complesso (l’emergenza territoriale ed in particolare l’interfaccia “efficiente” fra emergenza territoriale e rete ospedaliera).

Tale sistema comprende un insieme di soggetti eterogenei, per formazione, complessità di prestazioni, appartenenza organizzativa eccetera. Il SUEM, per il coordinamento delle sue attività, si rapporta tramite specifici protocolli di intervento con le associazioni di volontariato che collaborano al soccorso sanitario e con gli enti preposti al soccorso tecnico (vigili del fuoco, forze di polizia, corpo nazionale del soccorso alpino, capitanerie di porto protezione civile, Argo 91 Cinofili).

Da quando, 25 anni fa, nel luglio 1987, nasceva “VERONA EMERGENZA”, il primo provvisto di elicottero nel Veneto, l’elisoccorso veronese ha compiuto 15.000 missioni con quasi 8000 ore di volo. La Centrale Operativa  di Verona ha effettuato  nel 2011 circa 72.000 soccorsi. Le telefonate fatte al Suem in ingresso ed uscita sono state  335.000  (1 chiamata ogni 94 secondi).L’obiettivo prioritario è oggi quello di creare una squadra per perseguire obbiettivi condivisi. A tal fine si è insediato a febbraio 2012 il“governo clinico” del 118 con la formazione di un piccolo “senato”, organismo formato da 4 infermieri anziani che settimanalmente si riuniscono assieme alla direzione per discutere i temi più importanti. Con il contributo del Comune di Verona, della Concessionaria Vicentini e dell’Ottica Benetti, è stata acquistata una nuova auto medica, che sarà presentata in Piazza Brà al termine del Convegno. L’attivazione di questo nuovo mezzo è prevista entro la fine dell’anno a potenziamento della copertura medica della città. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Verona Emergenza" festeggia i 25 anni di attività

VeronaSera è in caricamento