Quartiere Catena-Navigatori senza bancomat: "Disservizio per i residenti"

A sollevare il problema è il consigliere comunale del Partito Democratico Federico Benini: "Si tratta di un evidente disagio dal momento che, per evitare di costi aggiuntivi, i correntisti delle banche devono spostarsi"

Dopo il Banco Popolare, che aveva chiuso i battenti già un anno e mezzo fa, ora è il turno dell’Unicredit che da qualche giorno ha chiuso la sua filiale di Viale Colombo. Quartiere Catena-Navigatori rimane pertanto privo di servizi bancari e sportelli automatici per il ritiro del contante ad eccezione di quelli offerti dalle Poste. Per la popolazione del quartiere, in gran parte anziana, si tratta di un evidente disagio dal momento che, per evitare di costi aggiuntivi, i correntisti delle banche devono prendere l’auto e cambiare quartiere. Questa tendenza dovrebbe però suonare da campanello d’allarme anche per l’amministrazione comunale, sotto ai cui occhi un bel quartiere dalle immense potenzialità si sta trasformando in un quartiere dormitorio, anzi, dimenticato.

È Federico Benini, consigliere comunale a Verona del Partito Democratico, a sollevare la questione a Palazzo Barbieri sul servizio ora assente nel quartiere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo, alla ripresa delle attività del Consiglio a settembre, presenterò una domanda di attualità per informare l’amministrazione di questo disagio e per sollecitare provvedimenti che mostrino una qualche forma di attenzione verso gli abitanti del Catena.
La questione del contante potrebbe essere facilmente risolvibile se Unicredit, che in viale Colombo mantiene il banco dei pegni, accettasse di riattivare il bancomat ancora presente ma disattivato. Quanto al rilancio del quartiere nel suo complesso, riteniamo che l’area che presenta maggiori potenzialità di sviluppo sia Forte Procolo (attualmente un bosco abbandonato) che potrebbe diventare un bellissimo polmone verde su cui innestare una cittadella dei servizi come ad esempio, un centro anziani, poste, farmacia e perché no... anche una filiale di banca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento