Sabato, 16 Ottobre 2021
Economia Sant'Ambrogio di Valpolicella / Via Roma

Verona, il re dell'Amarone Boscaini eletto numero uno di Federvini: prima volta di un veneto

L'imprenditore veronese appartiene alla famiglia presente in Valpolicella dal XVIII secolo. Dal 1978 è presidente del gruppo Masi. Al Gruppo fanno capo le tenute dei Conti Serego-Alighieri, dei Conti Bossi-Federigotti e dell’Ovile

“Buon lavoro a Sandro Boscaini per il suo prestigioso incarico al vertice di un settore economico tra i più significativi d’Italia, nel quale il Veneto primeggia per qualità, innovazione, export”. Il presidente della Regione del Veneto saluta con queste parole la designazione di Sandro Boscaini a presidente di Federvini, la sezione vinicola di Confindustria, dove è stato chiamato a succedere a Lamberto Vallarino Gancia per il prossimo triennio. Boscaini, presidente del gruppo veronese "Masi Agricola", accogliendo con soddisfazione la designazione del Consiglio della federazione in attesa dell'assemblea elettiva del 19 giugno, ha sottolineato come sia "la prima volta che un imprenditore vitivinicolo veneto viene chiamato al vertice della centenaria storia di Federvini". "Mister Amarone", come viene soprannominato in terra veronese, appartiene alla famiglia presente in Valpolicella dal XVIII secolo. Dal 1978 è presidente del gruppo Masi. Al Gruppo fanno capo le tenute dei Conti Serego-Alighieri, dei Conti Bossi-Federigotti, in Trentino, e dell’Ovile, in Toscana.

Complimenti arrivano anche dalla Regione. “L’esperienza e i successi maturati al vertice di un’azienda conosciuta in tutto il mondo e che ha contribuito a scrivere pagine tra le più belle dell’enologia veneta – aggiunge Zaia – sono preziose per consolidare e sviluppare i traguardi raggiunti dai vini italiani a livello planetario e per organizzare sempre meglio e in funzione della qualità una produzione nazionale che può salire ancora per molti gradini nella scala dell’apprezzamento mondiale”.

“La sua designazione – conclude il presidente della Regione – sottolinea una volta di più i traguardi raggiunti dal Veneto in questo comparto produttivo ed economico, che fa parte della nostra cultura e ha saputo esprimere le più straordinarie innovazioni nel campo dell’enologia mondiale, crescendo in uno scenario che vede fianco a fianco imprenditori e istituzioni nell’impegno a raggiungere nuovi traguardi”. Boscaini sarà presidente di Federvini per i prossimi 3 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, il re dell'Amarone Boscaini eletto numero uno di Federvini: prima volta di un veneto

VeronaSera è in caricamento