menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpisce il rivale in amore con un cacciavite: arrestato per tentato omicidio

Era venerdì sera quando i poliziotti hanno notato i due che si stavano picchiando in via Scuderlando, così sono intervenuti per fermarli e riportare la situazione alla calma, prima di ricostruire l'intera vicenda

La loro rivalità in amore stava per tramutarsi in una vera tragedia nella serata di venerdì scorso, ma è stata scongiurata dall'intervento della Polizia di Stato, che ha tratto in arresto un cittadino marocchino con l'accusa di tentato omicidio nei confronti di un tunisino. 

Quella sera gli agenti erano intenti a pattugliare la zona di via Scuderlando, quando hanno notato due uomini che si picchiavano animatamente e solo dopo essere riusciti a bloccarli, con non poche difficoltà, sono riusciti a riportare la situazione alla calma e a scoprire il movente di quell'aggressione. 
E.L., marocchino classe 1985, avrebbe sorpreso la compagna, una cittadina italiana di 38 anni nata a Feltre, in compagnia dell’ex fidanzato C.T., un cittadino tunisino del 1982, con il quale la donna si stava sfogando dei ripetuti litigi con l’attuale fidanzato, ultimo dei quali verificatosi proprio la sera precedente.

L'aver scoperto casualmente la fidanzata in macchina con l'ex, ha fatto scattare in E.L. il raptus della gelosia, il quale prima ha affiancato il veicolo dal lato del passeggero e poi ha aggredito verbalmente in lingua araba C.T. 
A quel punto entrambi sono scesi dall'auto dando vita alla colluttazione, durante la quale il marocchino ha estratto un cacciavite dalla propria borsa e sferrato tre fendenti diretti al collo del suo rivale, che è rimasto fertio anche all'orecchio sinistro. Uno di questi colpi inoltre è arrivato a poch centimetri dalla carotide, provocando una profonda ferita sotto il mento, poi refertata con 10 giorni di prognosi.

E.L. è stato quindi tratto in arresto e portato a Montori su disposizione del Pm. Martedì mattina, al termine dell'udienza di convalida, il Tribunale ha disposto a su carico il divieto di avvicinamento alla persona offesa e l’obbligo di presentazione giornaliero alla Polizia giudiziaria in attesa del processo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento