Marijuana e hashish stoccate in casa: cinque giovani in manette nella Bassa

Quando i carabinieri hanno fatto irruzione nell'abitazione di Cerea, nel pomeriggio dell'Epifania, hanno trovato anche 9 pastiglie di ecstasy e 1 grammo di cocaina: per i ragazzi sono dunque scattate le manette

I carabinieri con la droga sequestrata a Cerea

Cinque giovani di Cerea, tutti italiani, sono finiti in manette nel pomeriggio dell'Epifania, in seguito ad un'operazione antidroga condotta dai carabinieri della compagnia di Legnago. 

I militari sarebbero stati messi in allerta da alcune informazioni ricevute e hanno deciso così di predisporre alcuni servizi di osservazione, per monitorare un'abitazione del comune della Bassa, dove risiede uno degli arrestati. Come ha raccontato il maresciallo maggiore Roberto Zanoli, nel pomeriggio del 6 gennaio le forze del'ordine avrebbero notato la presenza di alcuni veicoli parcheggiati all'esterno della casa. Insospettiti, i carabinieri hanno dunque deciso di procedere con l'irruzione intorno alle ore 16, trovando all'interno i cinque ragazzi impegnati nello stoccaggio di sostanza stupefacente: in tutto sono stati rinvenuti 5.9 chili di marijuana, 309 grammi di hashish in ovuli, 1 grammo di cocaina e 9 pastiglie di ecstasy. Ganja e "fumo" sarebbero stati divisi in sacchetti di diverse dimensioni, che potevano andare dal chilo ai 50 grammi, pronti dunque per essere ceduti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i cinque sono così scattate le manette con l'accusa di detenzione a scopo di spaccio in concorso. Si tratta di giovani il cui anno di nascita è compreso tra il 1995 e il 2001, 4 dei quali incensurati mentre uno era finito in manette lo scorso anno, sempre per mano dei carabinieri, vicino ad una scuola del Porto di Legnago. Uno di questi frequenta ancora la scuola, mentre gli altri risultano tutti avere un lavoro e ora attendono di comparire davanti al giudice per l'udienza di convalida. 
Vista l'età dei ragazzi e le dimensioni dei sacchetti già pronti rinvenuti, l'ipotesi degli investigatori è che la droga fosse destinata ad altri piccoli pusher, i quali l'avrebbero poi immessa sul mercato della Bassa, a disposizione dei giovani consumatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento