Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

La ragazza avrebbe scambiato foto e confidenze con il religioso per due settimane, mentre il complice fotografava di nascosto gli incontri tra i due al bar

(Foto di repertorio)

Venerdì scorso, 26 giugno, un ragazzo e una ragazza, entrambi ventenni, sono stati arrestati dai carabinieri con l'accusa di estersione. La vittima è un parroco della Lessinia, il quale sarebbe stato ingannato e poi ricattato dalla coppia. L'arresto è stato convalidato ieri, come riportato da Fabiana Marcolini su L'Arena, e i due sono stati condannati all'obbligo di restare in casa nelle ore notturne e all'obbligo di dimora nei rispettivi comuni di residenza: in provincia di Rovigo lui e nella Bassa Veronese lei.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il piano che sarebbe stato architettato dalla coppia è cominciato il 10 giugno scorso, quando la ragazza ha inviato una serie di messaggi al religioso, raccontandogli una serie di falsità. Al parroco, la giovane avrebbe detto di essere una ragazza madre, abbandonata dal padre del piccolo e costretta a vivere con i genitori per mancanza di denaro. L'uomo di chiesa, in buona fede, ha ascoltato la storia e si è reso disponibile anche ad incontrare la 20enne in un bar, pur di darle conforto e di trovare un modo per aiutarla. Gli incontri che il parroco e la ragazza avrebbero avuto sono tre, tutti in un bar. I due, comunque, si sarebbero scambiati foto e reciproche confidenze, per circa due settimane, poi è scattata la trappola. Il complice della giovane, che aveva fotografato gli incontri del parroco al bar, ha ricattato apertamente l'uomo, dicendogli che avrebbe reso pubbliche le foto e i messaggi se non avesse ricevuto 10mila euro. Di fronte a questa proposta, il religioso si è rivolto ai carabinieri di San Bonifacio, che venerdì scorso hanno aspettato che il parroco consegnasse 350 euro alla giovane, prima di arrestare lei e il suo complice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento