menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona. Agsm dona sei defibrillatori ai rifugi del Carega e all'associazione Lessinia Jonc

Grazie a questa donazione, i rifugi Fraccaroli, Scalorbi, Passo Pertica, Revalto e Boschetto e la nuova Associazione ‘Lessinia Jònc’ potranno soccorrere opportunamente persone colpite da arresto cardiaco

Donare sei defibrillatori ai rifugi del Carega e all’Associazione ‘Lessinia Jònc’ è il contributo di Agsm per vivere la montagna in sicurezza grazie una rete di prevenzione a tutela dei turisti e visitatori che ogni anno frequentano il Monte Carega”. Così il presidente di Agsm Spa, Paolo Paternoster all’apertura della conferenza stampa di consegna dei defibrillatori DAE (dispositivi semiautomatici) ai gestori dei cinque rifugi del Carega e all’Associazione sportiva culturale ‘Lessinia Jònc’.

Con questa donazione i rifugi Fraccaroli, Scalorbi, Passo Pertica, Revalto e Boschetto e la nuova Associazione ‘Lessinia Jònc’ potranno contare su un ausilio indispensabile per intervenire tempestivamente su persone colpite da arresto cardiaco. I dispositivi di primo soccorso, infatti, possono essere utilizzati anche da operatori ‘non sanitari’ e permettono di aumentare sensibilmente la percentuale di sopravvivenza nella rianimazione cardio-polmonare (RCP) in casi di emergenza.

Per il direttore generale di Agsm Spa, Giampietro Cigolini: “Ogni anno in Italia 160mila persone vengono colpite da attacco cardiaco e circa 26.000 muoiono prima di raggiungere l’ospedale. Dopo 5 minuti dall’arresto e senza alcun intervento inizia il danno cerebrale che diventa, dopo 10 minuti, praticamente irreversibile. Per questo oltre a dotare i rifugi di un dispositivo DAE, Agsm ha coperto i costi dei corsi di abilitazione obbligatori dedicati ai gestori al fine di rendere autonomi i responsabili di ogni struttura nell’utilizzo dei dispositivi”.

All’incontro organizzato presso il Rifugio Boschetto di Selva di Progno hanno partecipato, oltre ai vertici Agsm, il presidente dell’Ais (Associazione Italiana Soccorritori), Fabio Debortoli e i rappresentanti dei rifugi Monte Carega e delle associazioni interessate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento