rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Reddito di cittadinanza a Pietro Maso, il suo legale: «Sussidio sospeso»

A causa della gravità del reato commesso nel 1991 a Montecchia di Crosara, Maso è interdetto "in perpetuo" dai pubblici uffici

Pietro Maso avrebbe ricevuto il reddito di cittadinanza. L'uomo, che nel 1991 a Montecchia di Crosara ha ucciso i suoi genitori e che è tornato in libertà dopo aver scontato la sua pena in carcere, avrebbe ricevuto il sussidio riservato a chi guadagna meno di 9.360 euro l'anno.

La notizia è stata anticipata da Ansa ed è contenuta in un articolo del settimanale Oggi. La lista in cui compare Maso, spiega il settimanale, risale alla fine del 2019 e, secondo li suo legale Marco De Giorgio, se fosse stato concesso, stando alla legge, il sussidio dovrebbe essere stato sospeso nei mesi corsi. A causa della gravità del reato, infatti, Maso è interdetto "in perpetuo" dai pubblici uffici.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di cittadinanza a Pietro Maso, il suo legale: «Sussidio sospeso»

VeronaSera è in caricamento