Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità Oppeano / Via Lino Lovo

Alla fattoria sociale Margherita 50 pensionati si rimettono in gioco con le persone in difficoltà

“Maestri d’arte: il sapere per il saper fare”, è il progetto di invecchiamento attivo partito nel febbraio 2020 nonostante le difficoltà legate alla pandemia e concluso nel luglio scorso

Rimettersi in gioco insegnando le proprie competenze, apprese durante una vita intera, a persone in difficoltà. È l’esperienza vissuta per un anno e mezzo da una cinquantina di pensionati veronesi, che hanno messo a disposizione le proprie abilità nell’ambito delle attività sociali e didattiche della Fattoria Margherita di Oppeano. L’azienda agricola, di medie dimensioni e certificata biologica, dispone di un innovativo orto terapeutico curato da persone con disabilità psichiche, intellettive e sensoriali.

Il progetto di invecchiamento attivo, denominato “Maestri d’arte: il sapere per il saper fare”, approvato e cofinanziato dalla Regione Veneto, è stato presentato giovedì a Oppeano, nella sede della fattoria, che fa parte della cooperativa La Mano 2, associata a Cia-Agricoltori Italiani Verona e iscritta nell’elenco regionale delle fattorie sociali della Regione. L’iniziativa, partita nel febbraio 2020 nonostante le difficoltà legate alla pandemia e conclusa nel luglio scorso, ha coinvolto 50 pensionati di età compresa tra i 65 e gli 80 anni. Gli anziani si sono messi in gioco a 360 gradi: dalla filiera delle erbe officinali alla cucina degli alimenti, dalla lavorazione dei materiali come il legno al racconto delle tradizioni, alla pittura e altre attività ricreative. Tra i partner del progetto, oltre all’Associazione nazionale pensionati (Anp) della Cia, anche la Comunità Emmaus Aselogna, la Cooperativa Gav, i Comuni di Zevio e Oppeano, la cooperativa La Ginestra, la fondazione Più di un Sogno, l’associazione Avo e la cooperativa Insieme.

«Il progetto ha visto un crescente entusiasmo da parte dei partecipanti – ha sottolineato Arianna Cesari, presidente della cooperativa La Mano 2 -. Siamo rimasti sorpresi e ammirati dalle loro molteplici e preziose competenze. Utilizzarle in un ambito sociale come il nostro, naturalmente con modalità sostenibili, è un’opportunità unica per tutti, senza contare che spendersi per gli altri e sentirsi utili è una gratificazione per l’esistenza di ognuno di noi».

«Con questa iniziativa abbiamo avuto modo di realizzare qualcosa di valido, che potrà essere riproposto in altri ambiti – ha aggiunto Laura Ferrin, presidente provinciale di Anp-Cia -. I partecipanti sono stati soddisfatti e sono disponibili a continuare, perché è importante che la trasmissione del sapere, proposta anche ai bambini del grest, non vada dispersa».

«All’inizio eravamo guardinghi e un po’ scettici – ha confessato Piermario Pompole, presidente dell’associazione Amici di Fattoria Margherita. “Poi, invece, quest’esperienza ha finito per creare un solido gruppo tra noi e farà da traino nel coinvolgere altri anziani nelle attività solidali della cooperativa».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alla fattoria sociale Margherita 50 pensionati si rimettono in gioco con le persone in difficoltà

VeronaSera è in caricamento