Sostegno alle aziende in Fase 2, Cafagna: «Controlli non punitivi»

Il prefetto di Verona ha chiamato alla cooperazione le forze economiche e sociali e le istituzioni per il riavvio delle attività produttive dopo la chiusura per il coronavirus

Il prefetto di Verona Donato Cafagna

La Prefettura di Verona ha chiamato alla cooperazione le forze economiche e sociali e le istituzioni per il riavvio delle attività produttive in questa Fase 2. L'obiettivo è fornire un reale sostegno alle imprese, anche attraverso il supporto e la condivisione dell'attività svolta dalla task force per le misure anti-Covid negli ambienti di lavoro. E così il prefetto Donato Cafagna ha promosso un piano di controllo a cui partecipano i vigili del fuoco, l'Ispettorato territoriale del lavoro e lo Spisal, ovvero il servizio di prevenzione igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro dell'Ulss 9 Scaligera. A questo piano, vengono chiamate a dare il loro contributo anche le forze dell'ordine e la polizia locale di Verona, oltre ad un tavolo a cui partecipano Banca d'Italia, Abi (l'associazione dei bancari), Inps, Comune di Verona, Provincia di Verona, associazioni di categoria e l'università scaligera.

Intanto, è stata realizzata un'attività informativa a favore degli operatori della sicurezza, che verrà estesa anche alle associazioni di categoria e ai sindacati. Inoltre, è stata creata una banca dati sugli esiti dei controlli e per il monitoraggio delle attività svolta dai nuclei misti di vigilanza. «Stiamo programmando i controlli in un'ottica non punitiva, ma di affiancamento e accompagnamento alle imprese - ha spiegato il prefetto Cafagna - I contenuti del protocollo, condiviso con le associazioni datoriali e i sindacati, sono a disposizione di tutti gli interessati: piano ed allegati sono pubblicati sul sito della prefettura. Si tratta di un progetto a step che vuole mettere a disposizione di aziende e operatori uno strumento di lavoro agile e rispondere ai tanti dubbi che si presentano nella prima applicazione delle misure di contenimento del contagio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un aspetto altrettanto importante è quello del supporto economico attraverso l'accesso al credito e agli ammortizzatori sociali - ha aggiunto Cafagna - e per questa ragione il confronto con le associazioni di categoria e i sindacati è stato esteso anche ad Inps, Abi e Banca d’Italia. È necessario che gli strumenti messi a disposizione dal Governo diano tempestivamente respiro alla ripresa, superando le incertezze e le lentezze che sono incompatibili con la crisi di liquidità che sta colpendo in modo particolare alcuni settori economici».
A tal proposito è emerso che l'Inps di Verona ha evaso la gran parte delle richieste di cassa integrazione ordinaria e in deroga, mentre più difficoltoso è l'accesso al credito bancario, nonostante la garanzia fornita dal fondo del Mediocredito Centrale, a causa delle complessità organizzative e tecnico-gestioniali, che tuttora gli imprenditori incontrano nel rapporto con gli istituti di credito. «Su questo punto la Prefettura intende essere molto vigile, avvalendosi dell’apporto dello staff giuridico-economico dell'università di Verona», ha concluso il prefetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento