Giovedì, 13 Maggio 2021
Attualità Centro storico / Via del Pontiere

Cominciata consegna a domicilio degli appuntamenti per il vaccino anti-Covid

I destinatari sono gli ultraottantenni che ancora non sono stati immunizzati e che, non avendo Internet, non sono riusciti a prenotarsi online

Sboarina con un lettera di convocazione per il vaccino anti-Covid

In moto, scooter e bicicletta, da questa mattina, 10 aprile, 80 agenti della polizia locale di Verona sono impegnati nella consegna, porta a porta, delle lettere per la vaccinazione anti-Covid degli ultraottantenni che ancora non sono stati immunizzati e che, non avendo Internet, non sono riusciti a prenotarsi online.
Ben 6.307 veronesi, nati dal 1941 a scendere fino al più vecchio di 105 anni nato nel 1916, saranno raggiunti uno ad uno. In questo modo la polizia locale potrà non solo recapitare il foglio con la convocazione personalizzata, con giorno e orario della vaccinazione, ma anche verificare se gli anziani sono nelle condizioni di potersi recare all'appuntamento o se hanno bisogno di assistenza domiciliare.
Domani saranno 100 gli agenti che si occuperanno del servizio. E, nell’arco di tre giorni, tutte le lettere verranno consegnate. Gli elenchi sono stati forniti dall'Ulss 9 Scaligera, sulla base delle vaccinazioni già avvenute e dell'anagrafe sanitaria che a Verona conta 23mila ultraottantenni. Grazie al centro di elaborazione dati del Comune, è stata mappata la corrispondenza con l'attuale residenza e coordinata l'operazione in base ai civici e alle zone della città.

Assieme alla convocazione per il vaccino, verrà rilasciato anche un pieghevole con i consigli per evitare truffe e raggiri realizzato in collaborazione con la Prefettura e con il contributo del Ministero dell'Interno. Tra le principali indicazioni: evitare di consegnare gioielli e soldi a chiunque, anche a ipotetici poliziotti, non aprire a sconosciuti che dicono di conoscere parenti e amici, così come a fattorini o tecnici che chiedono contanti o password.

sboarina polizia locale verona covid-2

Questa mattina, il sindaco Federico Sboarina e il comandante della polizia locale Luigi Altamura erano presenti alla partenza degli agenti. «Un'operazione unica per una grande città come la nostra, che abbiamo voluto mettere in campo proprio per velocizzare la campagna vaccinale e concludere quanto prima la somministrazione delle dosi ai più anziani - ha detto il sindaco - Supportiamo il lavoro dell'Ulss, arrivando di casa in casa e verificando anche le condizioni in cui vivono gli ultraottantenni. E per il prossimo fine settimana in fiera ci sarà un potenziamento delle postazioni proprio per terminare questa fase, che è essenziale per proseguire con la vaccinazione del resto della popolazione. Come abbiamo fatto l'anno scorso, quando la priorità erano le mascherine o la consegna dei buoni spesa, oggi scendiamo in campo per i vaccini».
«La consegna sta procedendo spedita - ha aggiunto Altamura - la velocità in questo momento è essenziale. Dalle 5 di questa mattina gli agenti sono operativi e, dopo aver programmato tutta l'operazione, hanno iniziato le consegne. Le forze impiegate sono veramente tante, nell'arco di qualche giornata concluderemo la consegna sia delle lettere che, approfittando dell'occasione, anche del pieghevole anti-truffa».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cominciata consegna a domicilio degli appuntamenti per il vaccino anti-Covid

VeronaSera è in caricamento