Mercoledì, 16 Giugno 2021
Sport Stadio / Piazzale Olimpia

Juric litiga con giornalista Sky dopo il pari col Napoli: «Manca di rispetto»

«Scendiamo sempre in campo per dare il massimo e i ragazzi lo hanno dimostrato», ha dichiarato il tecnico gialloblù, difeso anche dal club che ha descritto come «inopportune» le domande dal cronista. La replica del direttore di Sky Sport: «Nessuna insinuazione o retropensiero da parte nostra»

Juric durante la lite con Sky (Fermo immagine video Sky Sport)

«Scendiamo sempre in campo per dare il massimo e i ragazzi lo hanno dimostrato. Nelle ultime uscite siamo stati sfortunati con i risultati, ma i ragazzi hanno giocato sempre delle ottime gare e le statistiche lo confermano. All'inizio del campionato qualche volta abbiamo raccolto più di quanto seminato, ultimamente invece ci è andata un po' male, perché i risultati non ci hanno sorriso nonostante la squadra si sia sempre espressa a ottimi livelli». Sul sito internet dell'Hellas Verona si può leggere questo commento dell'allenatore Ivan Juric rilasciato al termine della partita di ieri, 23 maggio, contro il Napoli. E, probabilmente, Juric avrebbe voluto pronunciare queste parole anche al microfono del giornalista Sky Massimo Ugolini durante il programma Sky Calcio Club.

Nel post-partita di ieri, Juric ha litigato con Massimo Ugolini e anche con Fabio Caressa, collegato dallo studio di Sky. Ugolini non ha fatto in tempo a terminare la sua prima domanda, che Juric lo ha subito interrotto. Il giornalista ha dichiarato che l'Hellas è stato «arbitro della qualificazione in Champions» di Juventus e Milan, perché pareggiando 1-1 allo stadio Maradona ha fatto scivolare il Napoli al quinto posto e quindi in zona Europa League. «Un Verona diverso rispetto a quello che abbiamo visto nelle ultime settimane», ha detto Ugolini. Una valutazione definita «una grande cagata». Juric ha valutato le considerazioni di Ugolini come «una mancanza di rispetto» e si è rifiutato di rispondere, specificando che la sua squadra «ha dato sempre il massimo». Prima Caressa e poi Ugolini hanno replicato che non c'era nessuna intenzione di insinuare l'idea che l'Hellas si fosse impegnato solo in questa partita e non in quelle precedenti. Juric, però, non ha voluto sentire ragioni e se n'è andato.

Poco tempo dopo il litigio tra Juric e Sky, il club gialloblù si è schierato con il proprio allenatore, rimarcando con un tweet «l'inopportunità delle domande rivolte» dal giornalista Massimo Ugolini.

Non si è fatta però attendere la risposta della pay tv, a firma del direttore di Sky Sport Federico Ferri, che ha scritto: «Non so se siano state più sorprendenti la maleducazione e l'aggressività gratuite di Ivan Juric o il comunicato scritto dalla società pochi minuti dopo». E nella sua ricostruzione dei fatti, Ferri ha ricordato che Juric, il 13 maggio scorso, aveva dichiarato che la sua squadra una volta raggiunta la salvezza aveva perso «quella cattiveria» e «quella voglia di fare risultato ad ogni costo». Forse era a questo che si riferiva Ugolini, il quale avrebbe voluto sapere dal tecnico dell'Hellas come aveva fatto a motivare nel modo giusto i suoi giocatori per il match di Napoli. «Dunque, nessuna domanda inopportuna - ha concluso Ferri - Nessun riferimento ai valori sportivi. Nessun sospetto, nessuna insinuazione, nessun retropensiero. Almeno da parte nostra».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juric litiga con giornalista Sky dopo il pari col Napoli: «Manca di rispetto»

VeronaSera è in caricamento