Brutto tempo in Veneto. Scende la neve sul Monte Baldo e in Lessinia

Il Centro funzionale decentrato della Protezione civile ha decretato "l'allerta gialla", mentre la Provincia di Verona ha comunicato che sono in corso gli interventi per liberare le strade dalla neve

Immagine generica

Il Centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto avverte che lunedì e martedì sarà ‘allerta gialla’ (stato di attenzione) per i comprensori idrografici del Piave Pedemontano e dell’Alto Brenta- Bacchiglione e Alpone.

Tra le ore centrali di lunedì 2 e quelle di martedì 3 marzo, sono in atto precipitazioni estese e frequenti sulle zone centro settentrionali, a tratti intense con rovesci e locali temporali. La fase più intensa si dovrebbe registrare tra il pomeriggio di lunedì e le prime ore di martedì con quantitativi anche abbondanti, specie nelle zone montane e pedemontane; in seguito i fenomeni si faranno più discontinui e irregolari, con precipitazioni meno significative sulla pianura meridionale. Il limite delle precipitazioni nevose sulle Dolomiti in genere è intorno ai mille metri, martedì anche più in basso, localmente fino a 600-800 metri, con accumuli anche consistenti sopra i 1200m circa.

Nel pomeriggio/sera di lunedì si avranno venti da tesi a forti da sud-sudest sui rilievi, moderati da nord-est sulla pianura interna, tesi e a tratti forti da sudest su costa, pianura limitrofa e pianura sud-orientale: dal mattino di martedì venti in attenuazione e rotazione da nord-est ma con possibili nuovi rinforzi dai quadranti settentrionali su zone montane e pedemontane anche per Foehn.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo la Provincia ha comunicato che sono in corso gli interventi per lo sgombero neve in diverse aree del Veronese. In particolare la quota neve più bassa, al momento, è stata registrata nella Lessinia centrale, dove i mezzi sono già in azione a 900-1000 metri di altitudine. In Lessinia orientale e sul Baldo, invece, nevica sopra i 1100-1200 metri. I primi interventi delle ditte incaricate dalla Provincia sono iniziati nella mattinata di sabato, in particolare nell’area di Passo Fittanze.
Non si viene escluso che nelle prossime ore la quota neve possa ulteriormente abbassarsi, andando a interessare diversi centri della Lessinia e del Baldo. La pulizia delle strade provinciali e lo spargimento di cloruri per prevenire la formazione di ghiaccio continueranno fino all’esaurirsi dei fenomeni in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I supermercati più convenienti? Primeggia il Triveneto, ecco quali sono a Verona

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 settembre 2020

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento