Il presidente Zaia: «Se il governo non applica misure più dure farò delle ordinanze. Stop a corsette e passeggiate»

Zaia ha poi aggiunto: «Mi auguro anche che il governo si decida a chiudere i negozi la domenica»

 

«Non avrei mai pensato come amministratore di dover ogni giorno leggere il numero dei morti, oggi siamo a 115 decessi, è un bollettino di guerra», prende avvio da questa amara considerazione il governatore del Veneto Luca Zaia per il consueto punto stampa di oggi, giovedì 19 marzo, dedicato all'emergenza coronavirus

Il governatore Zaia ha quindi subito specificato: «Ho parlato già stamattina con il ministro della Salute Roberto Speranza, ma se il governo non adotta misure più restrittive mi vedrò costretto ad adottare, per quanto possano stare in piedi, delle ordinanze regionali. Spero, - ha quindi sottolineato Zaia - che si adottino misure più restrittive per quel che riguarda i passeggi, le corsette e quant'altro. Mi spiace, ma l'alternativa sono ricoveri, terapie intensive e contagi. Mi auguro anche che il governo si decida a chiudere i negozi la domenica, perché non è indispensabile andare a fare la spesa la domenica».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento