rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità Borgo Roma / Strada Statale 12

Variante alla Statale 12 inserita nel Decreto Olimpiadi. Si farà entro il 2025

Il provvedimento assegna fondi per le opere utili alle Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina 2026. Tra questi fondi ci sono 50 milioni di euro che saranno utilizzati per dare il via ai lavori della variante

La variante alla Strada Statale 12 si farà entro il 2025. L'opera è stata inserita tra quelle finanziabili con il Decreto Olimpiadi per le Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina 2026. Con l'assegnazione di 50 milioni di euro, i lavori potranno essere avviati e quindi la variante diventerà realtà.

Nel giugno scorso è stata autorizzata la costituzione di Infrastrutture Milano Cortina 2020-2026, la società che ha il compito di assicurare la tempestiva realizzazione delle opere necessarie allo svolgimento delle Olimpiadi 2026 e che fungerà da stazione appaltate. A questa società speciale sono stati inoltre affidati importanti poteri commissariali e questo accelererà di fatto tutte le procedure burocratiche, autorizzative e di gara e consentirà alle opere previste dal Decreto Olimpiadi una più che veloce realizzazione. Realizzazione che il decreto stesso fissa entro il 31 dicembre 2025. Ciò significa che anche la variante alla Statale 12 dovrà essere pronta entro la fine del 2025.
Attualmente, la variante è finanziata per 1,5 milioni di euro, sufficienti a malapena a completare il progetto definitivo. Per costruirla tutta, di milioni ne servono 145. Grazie al Decreto Olimpiadi, saranno finanziati con 50 milioni i primi lavori, da Buttapietra a Verona.

«È un fatto storico per Verona - hanno commentato i parlamentari veronesi del Partito Democratico Alessia Rotta e Vincenzo D'Arienzo - Mai fino ad ora si era arrivati a questo punto di condivisione e finanziamento. L’inserimento nel Decreto Olimpiadi è stato da noi fortemente voluto perché era l'unico modo per avere l'opera, visti gli anni persi dalla Regione Veneto e l'impossibilità di inserirla nei vari decreti che hanno commissariato diverse decine di opere stradali e ferroviarie e nei quali la variante alla Statale 12 non poteva rientrare considerato il suo livello preliminare della progettazione».

L'assessore regionale alle infrastrutture del Veneto Elisa De Berti non ha però gradito le parole di Rotta e D'Arienzo, i quali si sono intestati il merito di questo risultato. «È la Regione Veneto che ha definito, insieme al Ministero, la strategia per l'inserimento dell'opera tra quelle previste per le Olimpiadi invernali - ha dichiarato De Berti in un video condiviso su Facebook - Questo significa che potrà essere commissariata, con definizione certa dei tempi di ultimazione, ovvero dicembre 2025».

E all'assessore De Berti, i due parlamentari PD hanno risposto così: «Non è vero che i lavori per la variante inizieranno quest'anno perché il progetto è ancora a livello preliminare. E la progettazione è ancora a livello preliminare perché nel 2011 Veneto Strade si era assunto il compito di redigere il progetto, sia preliminare che definitivo, ma il 24 gennaio 2020 Regione e Veneto Strade trasferivano ad Anas il compito di redigere la progettazione definitiva e lo Studio di Impatto Ambientale. Nove anni di nulla. Sono trascorsi tanti anni perché Regione Veneto e Comune di Verona non hanno trovato un accordo dal 2011 sul tracciato della variante e solo a luglio 2021, finalmente, il Comune di Verona ha dato il proprio parere per il progetto definitivo. Ad oggi non ci sono le risorse necessarie per costruire la variante perché la progettazione preliminare non consente la destinazione finanziaria. Certo, conosciamo anche l'impegno della Regione Veneto, da luglio 2021, ma siamo convinti che se lo avesse fatto qualche anno prima, la variante sarebbe già in esercizio».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante alla Statale 12 inserita nel Decreto Olimpiadi. Si farà entro il 2025

VeronaSera è in caricamento