Torna il mercato dell'antiquariato e del collezionismo di San Zeno

Ripartirà dal 7 giugno. Mentre già dal 30 maggio potranno essere presenti nei mercati rionali anche i banchi degli operatori precari

(Foto di repertorio)

Torna nel quartiere San Zeno di Verona l'appuntamento mensile con il mercato dell'antiquariato e già da sabato prossimo, 30 maggio, potranno essere presenti nei mercati rionali anche i banchi degli operatori precari.

Grazie a un'apposita convenzione con l'associazione Retròbottega, che ha curato la riorganizzazione degli spazi nel rispetto delle norme di sicurezza, domenica 7 giugno il mercato dell'antiquariato e del collezionismo tornerà a San Zeno. I banchi, che saranno limitati a 106 con spazi preventivamente assegnati, saranno dislocati tra la piazza antistante la basilica, piazza Pozza, piazza Corrubbio e via Porta San Zeno. Il mercato sarà organizzato con due varchi di entrata e due di uscita e all’interno della sua area sarà sempre necessario usare la mascherina e mantenere la distanza di un metro, sia per gli operatori che per i clienti. La vigilanza è garantita da cinque addetti in collegamento radio tra loro. Vicino ad ogni banco saranno presenti flaconi di gel igienizzante, mentre all’interno del mercato verrà predisposta un’apposita segnaletica di sicurezza.

Mentre a partire dal 30 maggio riprenderà il servizio di spunta in quei mercati che già da prima dell’emergenza lo prevedevano. Per evitare assembramenti, la partecipazione è limitata a quegli operatori precari che ne abbiano dato preventiva comunicazione al Comune, nel rispetto delle disposizioni regionali.

«Con la ripresa del mercato di San Zeno e delle attività degli ambulanti precari nei mercati rionali - ha commentato l'assessore al commercio Nicolò Zavarise - prosegue il progressivo ritorno alla normalità per cittadini e operatori economici. A San Zeno, sono presenti almeno 70 espositori professionali, oltre agli hobbisty, mentre il ritorno all'attività dei precari rappresenta una buona notizia per molti ambulanti abituati a lavorare nei mercati della nostra città. Ovviamente, è importante far ripartire l'economia per assicurare la continuità a tante realtà produttive del nostro territorio, ma vanno sempre rispettate le misure di sicurezza necessarie per garantire la salute di ciascuno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento