Consegnata in dono all'ospedale Fracastoro di San Bonifacio una nuova termoculla

Il Centro nascite dell'ospedale di San Bonifacio Fracastoro è uno dei pochi centri del Veneto a mantenere un numero di nuovi nati costantemente superiore ai 1.000 ogni anno

Consegna nuova termoculla al Fracastoro

Si è svolta presso l'ospedale Fracastoro di San Bonifacio la cerimonia di consegna della nuova termoculla da trasporto, donata grazie all'impegno del "Movimento per la Vita  e Centro di Aiuto alla Vita" di Cologna Veneta e San Bonifacio. Il Centro nascite del Fracastoro è uno dei pochi centri del Veneto a mantenere un numero di nuovi nati costantemente superiore ai 1.000 ogni anno.

La capacità di continuare ad attrarre un elevato numero di donne che decidono di far nascere il loro bambino a San Bonifacio, dove nel 2019 sono nati 1.234 bambini, dipende essenzialmente dall’impegno e dalla professionalità che il personale del reparto di Ostetricia, diretto dal dr. Cesare Romagnolo, e quello della Pediatria, diretto dal dr. Mauro Cinquetti, riescono a manifestare quotidianamente nell’approccio e nell'accudimento delle donne e dei loro bambini. Accanto a tale fondamentale modalità di accoglienza e di gestione, il reparto mantiene da 20 anni (primo in Italia) il riconoscimento da parte dell'Unicef di "Ospedale Amico dei Bambini", fatto che garantisce un'organizzazione di eccellenza nell'offerta delle buone pratiche per le cure materne e del neonato. Le principali attenzioni sono volte alla creazione di un legame forte e sicuro tra mamma e neonato e al consolidamento della relazione madre-bambino, attraverso, tra l'altro, la pratica del “pelle a pelle” prolungato alla nascita, favorente l’allattamento al seno, che in questo modo “può partire nel migliore dei modi” e quindi durare più a lungo.

È in questo contesto che l'attenzione da parte dell'imprenditoria locale, stimolata dall'azione del "Movimento per la Vita e Centro di Aiuto alla Vita" di Cologna Veneta e San Bonifacio, cui va il ringraziamento del Direttore Generale dell’Ulss 9, Pietro Girardi, ha dato vita alla donazione della nuova termoculla in un'ottica di continuo aggiornamento, anche in termini tecnologici, del settore materno-infantile di San Bonifacio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La nuova termoculla - spiega il Direttore del Dipartimento materno infantile, dr. Mauro Cinquetti - permette la sostituzione di quella ormai datata e non più in linea con gli standard di eccellenza odierni. Essa si caratterizza per una mobilità assai maneggevole, grazie alle sue dimensioni compatte ed è accompagnata da una elevata stabilità nonostante un peso molto ridotto, che risulta la metà di quello delle più diffuse incubatrici da trasporto. Al suo interno il neonato viene assicurato in una posizione sicura e, grazie a una gomma ammortizzante, si eliminano le vibrazioni durante ogni spostamento, con il risultato finale di rendere minimo lo stress sul neonato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in vigore la nuova ordinanza firmata da Zaia: cosa cambia a Verona

  • Coronavirus in Germania, la testimonianza di un veronese: «Niente quarantena e allarmismo in TV»

  • «A Verona 140 mila quintali di fragole da raccogliere: servono 3 mila lavoratori»

  • Coronavirus, nuovi casi positivi a Verona ma rallentano ricoveri e decessi

  • In 24 ore 15 morti positivi al virus nel Veronese: frenano contagi e ricoveri. Veneto: 9.177 casi

  • Da Brescia a Verona, per 15 dottoresse ed infermiere "future spose" in regalo la torta

Torna su
VeronaSera è in caricamento