Rimborso iscrizioni asili nido e rette mense scolastiche: tutto quello che c'è da sapere

La giunta comunale ha deliberato di restituire interamente quanto già pagato per i mesi in cui i servizi scolastici sono rimasti sospesi a causa dell’emergenza Coronavirus

Mensa - immagine d'archivio

Le rette delle mense scolastiche comunali e statali, dalle materne alle medie, saranno rimborsate alle famiglie. La giunta comunale ha deliberato ieri mattina di restituire interamente quanto già pagato per i mesi in cui i servizi scolastici sono rimasti sospesi a causa dell’emergenza Coronavirus. Per i Nidi comunali il rimborso della quota d’iscrizione di 76 euro verrà effettuato con il pagamento di settembre.

La restituzione delle rette già pagate era stata decisa dalla giunta in marzo, ma il provvedimento è stato fatto ieri perché bisognava attendere il Dpcm che sancisse la chiusura definitiva delle scuole al 30 giugno senza rientro in classe. Nei quattro mesi di Covid, i genitori dei bambini dei Nidi non hanno pagato la quota mensile che comprende retta e refezione, quindi a queste famiglie non deve essere restituita alcuna cifra se non i 76 euro di iscrizione. Per chi invece frequenta tutte le altre scuole con servizio mensa saranno resi gli importi pagati in anticipo.

Due le modalità per recuperare le somme: i genitori con bambini già iscritti all’anno successivo dello stesso ciclo scolastico (coloro che ad esempio passano dal primo anno di materna al secondo, o dalla terza alla quarta elementare) si vedranno scalare l’intero importo a settembre, in automatico, senza fare nessuna richiesta. Per le famiglie i cui bambini passano al ciclo scolastico successivo (ossia dalle materne alle elementari o dalle elementari alle medie) o che non hanno rinnovato l’iscrizione a Verona, dal 20 luglio saranno disponibili i moduli per la domanda, per la quale c'è tempo fino al 30 settembre. Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito www.comune.verona.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune, quindi, restituirà 465 mila euro. Nel dettaglio si tratta di 15 mila euro di iscrizione ai nidi, resta infatti da rimborsare la sola quota di 76 euro a bambino, in quanto i bollettini delle rette erano già stati sospesi. Ben 450 mila euro, invece, la cifra relativa alle ultime quattro mensilità di refezione scolastica, che, ovviamente, saranno rese solo alle famiglie che le hanno già pagate anticipatamente. Già a marzo la giunta era intervenuta a favore dei genitori con bimbi iscritti alle scuole comunali che, a causa dell'emergenza sanitaria, avevano dovuto sospendere l'attività, il periodo è stato ben più lungo di quello ipotizzato inizialmente ma l'impegno della restituzione è stato mantenuto ugualmente. Per i Nidi, dove la retta viene pagata mensilmente, dal mese di marzo non era più stato emesso il bollettino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento