Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19, Luca Zaia: «Trovata la variante inglese del virus in Veneto»

Il presidente della Regione nel punto stampa dalla sede della Protezione Civile di Marghera, aggiorna la popolazione sulla situazione nel territorio

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha tenuto un punto stampa nel giorno di Santo Stefano dalla sede della Protezione civile di Marghera, per aggiornare i cittadini sull'evolversi dell'emergenza sanitaria sul territorio e per annunciare che la variante inglese del Covid-19 è stata individuata in tre soggetti.
«I nostri laboratori hanno trovato la variante inglese del virus tra i contagiati veneti. Studiosi e ricercatori lo hanno scoperto la vigilia di Natale. Abbiamo dimostrato che il virus estivo non c'entra niente con questa ondata».
Ha detto il presidente della Regione, che poi ha passato la parola a Antonia Ricci, direttrice generale dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. 

«Dall'inizio della pandemia abbiamo isolato in Veneto 37 virus, di cui 8 sono varianti del Sars-CoV-2 e 2 risultano essere state rilevate solamente nella nostra regione: la maggior parte di questi appartengono a una variante della mutazione che la rendono più contagiosa. In questi ultimi 5 giorni sono stati trovati, attraverso una modalità più rapida di identificazione, 3 pazienti che avevano avuto contatti con il Regno Unito, due donne e un uomo. Due a Treviso e uno a Vicenza». Sono persone giovani, due sarebbero studenti e un quarantenne, dai contatti dei quali sarebbe risultato un quarto positivo al Coronavirus "inglese". «Tutti presentano febbre, e sono stati testati per questo: rientravano dalla Gran Bretagna e manifestavano sintomi tipici dell'influenza. Tutti sono stati messi in quarantena», ha aggiunto la dottoressa Francesca Russo, a fianco a Ricci, per aggiornare sulla situazione Covid in Veneto.
«Un virus non è un singolo individuo - ha proseguito Antonia Ricci -, è una popolazione, la cosa evidente è che i virus della prima ondata sono diversi da quelli della seconda ondata, la mutazione che li rende più contagiosi. In regione inoltre sono state scovate varianti che a loro volta sono caratterizzate da alta contagiosità e che quindi potrebbero spiegare il numero dei contagi del Veneto. 
Caratterizzare tali virus è importante per comprende l'andamento dell'epidemia e poter mettere azioni di controllo mirate: se si conosce il nemico è più facile combatterlo. Tre casi della variante inglese, e molto recenti, non possono spiegare la contagiosità delle ultime settimane, ma sicuramente siamo di fronte a un virus, questo della seconda ondata, oltre alla variante inglese caratterizzato da una grande contagiosità». 

«I virus della prima ondata sono diversi da quelli della seconda ondata - hanno spiegato i medici, assieme al dottor Roberto Rigoli -. Ora il virus da noi presente ha una mutazione che lo rende più contagioso. Sono state anche isolate delle tipologie, almeno due, che non esistono nel resto d'Italia e questo fa pensare a una tipicità territoriale, da verificare. Abbiamo trovato altre varianti singole con alta contagiosità che possono spiegare i maggiori contagi in questa regione». La dottoressa Ricci mostra attraverso alcune tabelle, nelle quali con vari colori si distinguono le varianti di virus, che queste cambiano appunto oltre che da Paese a Paese anche tra aree e potrebbe spiegare taluni picchi di contagio in zone particolari che si sono verificati in Veneto, come Asolo ad esempio (Treviso). «È importante caratterizzare i virus per seguirne l'andamento e mettere a disposizione i dati, pubblicamente - continuano -. In Veneto abbiamo un progetto per seguire e analizzare i virus e vedere come cambiano, mettendo in atto modalità di controllo». In tutti i casi di positività alla variante inglese, di cui sono stati tracciati i contatti e attivate le quarantene, «il tampone fatto è il rapido antigienico che ha funzionato anche per la variante inglese, poiché cerca la proteina N e non la Spike».

Per il dottor Luciano Flor, nuovo direttore generale della Sanità della Regione Veneto, «questa ondata è particolarmente epidemica, possiamo adottare ogni misura ma né la quarantena né lo studio sofisticato possono sostituire il comportamento individuale». «Abbiamo messo a punto dei test mirati che identificano il tratto genetico solo nel pezzettino caratterizzato dalla variante del virus. Anche se avremo poi bisogno di analizzare l'intero genoma - spiega Ricci - Ora sono stati mandati allo Zooprofilattico i campioni da febbraio di tutte le Uls: una decina al mese per ogni Ulss, così ricostruiamo. I tamponi devono essere suddivisi per: asintomatici, sintomatici, se sono stati ricoverati, la terapia, compresi i deceduti». «Andranno a costituire un banca dati regionale, siamo gli unici in Italia finora - afferma Zaia - abbiamo fatto una delibera ad ok con stanziamenti intorno ai 300 mila euro. Ci siamo mossi a luglio». La variante inglese risulterebbe più contagiosa ma non resistente al vaccino che ridurrà la pressione infettante e lo monitoreremo», conclude Ricci.

I campioni del virus analizzati nel Veronese fino ad ora corrisponderebbero ad un'unica variante, che risulterebbe più contagiosa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Covid-19, Luca Zaia: «Trovata la variante inglese del virus in Veneto»

VeronaSera è in caricamento