menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il casello di Soave-San Bonifacio

Il casello di Soave-San Bonifacio

Altra notte di lavori in arrivo sull'A4 e una sola corsia aperta tra Soave e Verona Est

Fino al 22 aprile invece sulla Sp28 "del Mincio" saranno in vigore restrizioni per la realizzazione di una rotatoria, mentre è stato istituito il divieto di transito ai veicoli con lunghezza complessiva superiore ai 12 metri su un tratto della Sp37a “dei Ciliegi”

Nuovi lavori di pavimentazione e realizzazione del flesso autostradale scatteranno in A4 nei prossimi giorni. Si tratta di un intervento propedeutico alla costruzione della corsia di emergenza al km 292+200 dell’autostrada, in corrispondenza del cavalcaferrovia della linea ferroviaria Milano-Venezia e per la realizzazione del raddoppio della sezione stradale della Tangenziale Sud di Verona, nel Comune di San Martino Buon Albergo. 
In carreggiata ovest dunque, direzione Milano, si viaggerà su una sola corsia di marcia tra i caselli di Soave e Verona Est (dal km 293 al Km 291), dalle ore 20 del 23 febbraio alle ore 6 del 24 febbraio. 

Peschiera e TAV

Nel Comune di Peschiera del Garda invece è scattato alle ore 10 del 21 febbraio, e durerà fino al 22 aprile, il restringimento della carreggiata con ripristino della circolazione in entrambi i sensi di marcia e riduzione del limite massimo di velocità, lungo la strada provinciale 28 "del Mincio".
Le limitazioni sono necessarie per consentire la costruzione di una rotatoria nell'ambito dei lavori per la realizzazione della linea ferroviaria alta velocità/alta capacità.

Strada "dei Ciliegi"

È stato istituito il divieto di transito ai veicoli, con lunghezza complessiva superiore ai 12 metri, dall’inizio dell’abitato di Cazzano di Tramigna a Illasi, lungo la Sp 37a “dei Ciliegi”.
La Provincia ha infatti terminato il posizionamento di 40 cartelli, a partire dall’incrocio tra la 37a e la Sr 11 a Soave/San Bonifacio, che allertano gli autotrasportatori della nuova ordinanza. I limiti – accordati in più riunioni con le amministrazioni locali di Illasi e Cazzano – si sono resi necessari in seguito a diversi incidenti e perdite di carico avvenuti in passato sull’ultimo tratto della strada in località San Monte, caratterizzato dalla presenza di tornanti a raggio ridotto, una contenuta larghezza della carreggiata e punti con pendenze sensibili.
I cartelli, oltre che all’inizio della provinciale, sono stati posizionati a ogni successiva intersezione stradale. Una deroga è prevista per i mezzi diretti alle attività commerciali di Cazzano, che potranno comunque arrivare fino in centro paese.
A Illasi, invece, i cartelli di divieto di svolta sulla provinciale 37a in direzione Cazzano/Soave erano già stati posizionati lo scorso anno, all’interno del piano di segnalamento dedicato alla Sp 10, che ha inizio dall’incrocio con la Sr 11 a Colognola ai Colli.
In questo caso, oltre ad avvisare dell’impossibilità per i mezzi superiori ai 12 metri di svoltare sulla 37a, le indicazioni ripetute lungo il tragitto ricordano il divieto di svolta, più a nord, sulla Sp 13 in direzione di Velo e l’obbligo, comunque, di fermarsi a Selva di Progno.
Il tutto per evitare che, come in passato, alcuni mezzi pesanti diretti per lo più a Roverè – percorrendo il tragitto errato – raggiungano Giazza provocando difficoltà alla circolazione sulle strade locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento