L'Esercito crea un ponte galleggiante sul Mincio per salvare la popolazione

Dopo esserci stati nel 1866 nel contesto della III° Guerra d’Indipendenza, i Pontieri sono tornati sul fiume, nella zona di Peschiera, per l’atto conclusivo dell’esercitazione “Argo 2020”

Una fase dell'esercitazione che si è tenuta a Peschiera

Giovedì mattina a Peschiera del Garda, sul fiume Mincio, si è svolto l’atto conclusivo dell’esercitazione “Argo 2020”, che ha visto il varo di un ponte galleggiabile motorizzato (PGM) di circa 120 metri, mediante l’impiego di moduli da ponte autopropulsi connessi tra di loro e delle dimensioni di 10 x 10 metri ciascuno. Il tutto sotto lo sguardo del comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota.

L’esercitazione, realizzata in collaborazione con il Comune di Peschiera del Garda, è stata presenziata inoltre dal comandante del Comando Genio, generale di Divisione Gianpaolo Mirra, dal comandante del Comando Infrastrutture, generale di Brigata Massimo Bendazzoli, dal sindaco di Peschiera del Garda, Maria Orietta Gaiulli, oltre che dalle autorità civili e militari della cittadina veronese.

Fondamentale il supporto logistico fornito dal Parco Materiali Motorizzazione, Genio, Artiglieria e NBC di Peschiera del Garda, che ha permesso l’allestimento della direzione di esercitazione nonché reso disponibili le aree e le infrastrutture per il dispiegamento, sin dai primi giorni di settembre, di circa 150 militari e più di 100 mezzi del 2° reggimento Genio Pontieri di Piacenza.

Dopo una breve presentazione da parte del Colonnello Salvatore Tambè, Comandante del 2° pontieri, durante la quale sono stati esposti i lineamenti dell’esercitazione e illustrate le modalità di varo a secco di un modulo PGM, l’attività si è trasferita in acqua dove è stata simulata la realizzazione di una via di fuga per la popolazione attraversando il fiume Mincio sul ponte galleggiante motorizzato, supponendo una eventuale emergenza che abbia reso inagibili i ponti della rete viaria.

L’attività di concorso alla popolazione civile in caso di emergenze e calamità naturali, rientra tra i compiti istituzionali assegnati all’Esercito Italiano che, attraverso l’impiego dei reparti del Genio di cui dispone, è in grado di cooperare con altri operatori civili nella gestione delle emergenze.
L’esercitazione ha avuto come scopo quello di incrementare ulteriormente il livello addestrativo di specialità dei genieri piacentini, in un impiego nell’ambito di un contesto urbano, nel rispetto delle limitazioni imposte dall’attuale contesto sanitario.

I Pontieri tornano quindi, dopo oltre 150 anni, sul Mincio in un contesto differente rispetto a quello del 1866 durante la IIIa Guerra d’Indipendenza, quando gittarono un ponte di barche a Goito (MN) a circa 2 chilometri a monte del ponte stabile per il transito delle fanterie e delle artiglierie.

Presente all’evento anche il Generale di Corpo d’Armata Massimo Scala che prossimamente avvicenderà il Generale Tota al Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento