AGS, nuovo intervento concluso sulla rete fognaria della zona del Garda

Sono stati ultimati i lavori sulla fognatura di Costermano che hanno consentito l'allacciamento alle rete delle abitazioni di via Baesse: «In questo modo, i residenti possono dismettere le fosse Imhoff private, fino ad ora utilizzate»

Immagine generica

Le abitazioni di Via Baesse, a Costermano sul Garda, sono state collegate alla rete fognaria pubblica. Azienda Gardesana Servizi, infatti, ha ultimato i lavori di allacciamento alla fognatura dell’intera borgata che si trova nel territorio collinare di Costermano e che era sempre stata priva di servizio collettamento reflui.

«L’intervento – ha sottolineato il presidente di AGS Angelo Cresco – ha un grande valore dal punto di vista del miglioramento del servizio e della sostenibilità ambientale. Infatti, grazie a questi importanti lavori realizzati da AGS, tutte le abitazioni della borgata sono state collegate alla rete fognaria. In questo modo, i residenti possono dismettere le fosse Imhoff private, fino ad ora utilizzate, riducendo l’impatto dei reflui sul suolo e garantendo una maggior tutela dell’ambiente. L’investimento da parte di AGS a favore di quest’area è stato molto rilevante e pari circa 300mila euro».

Le abitazioni di via Baesse sono pertanto allacciate alla rete fognaria comunale. Da un punto di vista tecnico, AGS ha posato un nuovo tratto di fognatura a gravità, per una lunghezza complessiva di 520 metri, in grado di raccogliere le acque nere delle abitazioni che insistono sulla via e di recapitarle nel nuovo impianto di sollevamento dei reflui, in fase di costruzione. L’impianti è interrato nello spiazzo al termine della strada e permetterà di portare i reflui, tramite una tubazione in pressione, nella rete fognaria di valle già esistente. Questa parte di intervento si concluderà entro l’estate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’impianto di sollevamento – spiega Carlo Alberto Voi, direttore di Ags – è necessario in quanto le acque reflue vengono convogliate a una quota inferiore rispetto a quella della fognatura esistente. Il nuovo tronco fognario si avvale di un sistema di telecontrollo e di telegestione di nuova e avanzata tecnologia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento