Sassuolo - Chievo Verona 4-0 | Var e occasioni sprecate, gira tutto storto: serie b molto vicina

Poker pesantissimo a Sassuolo per i ragazzi di Mimmo Di Carlo che ormai vedono svanire anche le ultime speranze di salvezza. Due gol subìti nel primo e due nel secondo tempo condannano i gialloblu. Una reta annullata dal Var a Giaccherini che poi sbaglia un penalty

Sassuolo vs AC Chievo Verona - ANSA foto ELISABETTA BARACCHI

Serata da incubo per i gialloblu che contro il Sassuolo incassano una nuova sonora sconfitta. Era probabilmente l'ultima vera chance di riscatto per la formazione di Di Carlo che ora si trova a un passo dalla retrocessione, quando ormai mancano solo otto partite alla fine del campionato.

La cronaca e il tabellino del match

La sfida si è messa sin da subito male per il Chievo: al minuto 3° i padroni di casa hanno infatti trovato agilmente la rete del vantaggio, grazie ad un cross pennellato dalla destra di Lirola che ha pescato in area l'accorente Demiral. Colpo di testa imprendibile da posizione ravvicinata e Sorrentino battuto. I gialloblu sono riusciti a reagire subito allo svantaggio, creando due ottime occasioni che avrebbero potuto valere il pareggio: prima opportunità per Leris che da posizione ravvicinata si è visto negare la gioia del gol da un intervento in corner di Consigli. Proprio sugli sviluppi dell'angolo è stato Bani ad andare vicino alla rete con un colpo di testa, respinto ancora una volta dal portiere avversario.

Il match ha vissuto nella prima fase di gioco il massimo livello d'intensità, con continui ribaltamenti di fronte. Per il Sassuolo si è reso pericoloso Babacar al 7° con un gran tiro a giro respinto da Sorrentino. Al 9° è arrivato un episodio chiave, soprattutto sotto il profilo psicologico, della partita: Giaccherini in progressione centrale si è bevuto mezza difesa avversaria, cogliendo poi l'angolino giusto per trafiggere Consigli con un destro imparabile. Il pareggio sembrava cosa fatta, ma ancora una volta è stato l'intervento del Var a raggelare i tifosi clivensi e a mandare su tutte le furie Di Carlo e i suoi. L'azione di Giaccherini era stata viziata da un fallo, una trattenuta di Barba a centrocampo. Intervento del Var molto fiscale e contestatissimo da Di Carlo, ma che in fondo ci poteva anche stare.

Rinvigoriti dal pericolo scampato, i padroni di casa hanno quindi potuto prendere in mano le redini della partita, rendendosi pericolosi più volte con l'ispirato Berardi, prima al 17° con un bel mancino a giro fuori di poco e poi grazie ad un'insidiosa punizione che Sorrentino è riuscito in qualche modo a respingere. La reazione del Chievo è stata tutta in una buona combinazione su palla inattiva tra Giaccherini e Leris, con quest'ultimo che per poco non è riuscito a sorprendere la mal piazzata difesa avversaria al minuto 32°. A meno di  sessanta secondi dalla fine è però arrivato il raddoppio del Sassuolo: regalo di Natale fuori stagione per Bani che, invece di appoggiare indietro al proprio portiere di testa, ha concesso un corner agli avversari, sugli sviluppi del quale è arrivata l'inzuccata vincente ancora una volta di Demiral. Due a zero e squadre negli spogliatoi, morale clivense sotto i tacchetti.

Al rientro in campo la musica non è affatto cambiata. Dopo un minuto di gioco il Sassuolo ha infatti trovato la via del tris: nuova discesa travolgente di Lirola sulla fascia destra e palla al centro che ha attraversato tutta l'area, fino ad arrivare sui piedi di Locatelli che ha potuto agevolmente appoggiare in reta a porta vuota. Nel giro di dieci minuti è poi arrivato il poker: scambio tra Babacar e Berardi al 56° e tiro mancino implacabile con Sorrentino incolpevole. In una partita ormai senza più molto da dire, resta ancora da segnalare una rete annullata per fuorigioco millimetrico di Cesar al 61° e, nei minuti finali, il calcio di rigore parato da Consigli a Giaccherini. 

Mister Di Carlo imbufalito per l'arbitraggio a fine gara ha dichiarato: «Come facciamo a giocare alla pari degli altri se in ogni occasione ci penalizzano? Non si può arbitrare così. Non esiste arbitrare così, non possiamo essere sempre penalizzati così. Cosa dobbiamo fare? Ti fanno perdere la testa, non è possibile essere arbitrati così». Ora il prossimo appuntamento per i gialloblu è in calendario per lunedì 8 aprile, sempre in serale alle 20.30 e sempre in terra emiliana, questa volta al Dall'Ara di Bologna, per una nuova sfida con una diretta concorrente per la salvezza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

Torna su
VeronaSera è in caricamento