rotate-mobile
Sport

Roma - Hellas Verona 3-1 | Tre "sberle" in nove minuti e i gialloblu vanno KO

Le reti di Mancini, Mkhitaryan e Borja Mayoral, arrivate tra il 20' e il 29', hanno consegnato la vittoria alla squadra di Fonseca. Solo nell'ultima mezzora gli scaligeri sono riusciti a reagire, ma il gol di Colley non è bastato per avviare la rimonta

Nella ventesima giornata di Serie A, la prima del girone di ritorno, l'Hellas Verona è uscito sconfitto dallo stadio Olimpico, dove la Roma si è imposta con il risultato di 3-1. 

Juric è sceso in campo con Ilic al fianco di Tameze, e con Lasagna e Dimarco partiti dalla panchina per fare spazio a Kalinic e Ceccherini, mentre anche in questa occasione Fonseca ha deciso di rinunciare a Dzeko. Ritmi altissimi fin dai primi minuti, soprattutto da parte della Roma, che con grande aggressività è andata a prendere l'uomo destinatario della sfera in uscita, impedendogli di giocare palloni puliti o facendo fallo: così Mancini e Ibanez (soprattutto il primo) hanno bloccato elementi fondamentali dei gialloblu come Zaccagni. In difficoltà dunque nel manovrare, gli scaligeri hanno mantenuto l'attenzione alta a loro volta e per i primi venti minuti l'unica occasione degna di nota è stata un tiro di Borja Mayoral deviato sull'esterno della rete da Dawidowicz. Un match dunque sostanzialmente equilibrato, con l'undici di Fonseca che ha fatto però capire di poter essere pericoloso soprattutto sui ribaltamenti di fronte. 
Ma la prima rete è arrivata da corner al 20', con Pellegrini che ha pescato in area Mancini che ha colpito di testa: la sfera è passata in mezzo ad un gruppo giocatori, ingannando così Silvestri. Due minuti dopo i giallorossi hanno recuperato palla e lanciato proprio Mayoral, che a tu per tu con Silvestri si è allargato e quando la retroguardia sembra aver rimontato ha servito Mkhitaryan, che ha preso il portiere in controtempo e raddoppiato. Intontito, il Verona ha provato a reagire con poco successo, chiamando in causa Pau Lopez solo su angolo per anticipare Gunter. E al 29' Silvestri prima ha allontanato la sfera arrivata in area dalla bandierina e poi respinto il tiro al volo di Pellegrini da fuori, ma la palla è capitata sui piedi di Mayoral, che ha così messo il proprio sigillo personale sulla partita. 
Un tris tremendo a cui l'Hellas non ha saputo rispondere, anche a causa della grande aggressività degli avversari che hanno cercato subito di soffocare possibili reazioni, senza creare altri grandi pericoli.

Tornato in campo con Lasagna al posto di una spento Kalinic, il Verona è sembrato voler alzare i ritmi fin dall'inizio, senza però trovare le giuste contromosse, mentre Spinazzola ha cominiciato a farsi vedere in maniera minacciosa davanti, prima con tiro terminato fuori e poi come finalizzatore di un contropiede, su cui ha messo una pezza Silvestri. A rivitalizzare il Verona ci hanno pensato i cambi di Juric, che ha sostituito tutto il terzetto d'attacco più Faraoni, arretrando Barak sulla linea di Tameze. Così al 61', da un recupero sulla trequarti è arrivata palla a Bessa, che dalla fascia destra ha pescato in area Colley, il quale di testa ha accorciato le distanze. 
Gli ospiti allora hanno provocato a cavalcare l'onda del momento, mentre la Roma si è trovata in difficoltà non riuscendo più a portare la stessa pressione di prima. I ragazzi di Juric però non sono riusciti a convertire l'entusiasmo ritrovato in occasioni utili a riaprire definitivamente la partita, con un Lasagna che solo nel finale si è reso pericoloso con un sinistro ad incrociare. Nel finale la Roma a sua volta non ha sfruttato gli spazi inevitabilmente concessi dagli avversari, limitandosi per lo più a gestire il match fino al triplice fischio. 

Brutta sconfitta per l'Hellas Verona su un campo comunque proibitivo come quello dell'Olimpico. Soprattutto nel primo tempo, la squadra di Juric non è riuscita ad eludere l'asfissiante pressing avversario, accompagnato anche da numerosi falli, mentre in difesa ha concesso qualcosa di troppo agli avversari, principalmente dopo aver perso la palla. Nella ripresa i cambi hanno dato maggior vivacità e rapidità alla manovra, che ha però mancato in precisione e lucidità. 
Nel prossimo turno di campionato il Verona è chiamato alla trasferta di Udine fissata per il pomeriggio di sabato. 

Il tabellino

ROMA - HELLAS VERONA 3-1

MARCATORI: Mancini (R) al 20', Mkhitaryan (R) al 22', Mayoral (R) al 29', Colley (HV) al 61'. 

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Smalling (dal 12' Kumbulla), Ibanez; Karsdrop (dall'86' Peres), Veretout (dall'86' Diawara), Villar (dal 70' Cristante), Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Mayoral (dall'86' Perez)
A DISPOSIZIONE: Mirante, Fuzato, Santon, Pastore, Calafiori. ALLENATORE: Paulo Fonseca.

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Sivestri; Dawidowicz, Günter, Ceccherini (dall'80' Udogie); Faraoni (dal 57' Dimarco), Tameze, Ili? (dal 57' Bessa), Lazovi?; Barak, Zaccagni (dal 57' Colley); Kalini? (dal 46' st Lasagna).
A DISPOSIZIONE: Berardi, Pandur, Lovato, Cetin, Terracciano, Amione. ALLENATORE: Ivan Juri?.

ARBITRO: Marco Piccinini di Forlì.

AMMONITI: Pellegrini, Faraoni, Kumbulla. 

La cronaca 

PRIMO TEMPO - Partenza su ritmi alti. L'Hellas prova a far girare la palla e gli ospiti si mostrano aggresivi in fase di non possesso. Gioco spezzettato nei primi dieci minuti. Smalling è costretto ad abbandonare il campo per un acciacco al 12': al suo posto Kumbulla. Gunter al 14' anticipa Borja Mayoral in area, dopo la percussione di Mkhitaryan. Al 18' Dawidowicz mette in angolo la conclusione di Mayoral, penetrato in area. Al 20' l'incornata di Mancini da corner passa in mezzo alla ressa in area piccola e si infila alle spalle di Silvestri. Al 22' la difesa scaligera si fa sorprendere e Mayoral si presenta davanti a Silvestri che lo fa allargare, la difesa recupera ma la punta scarica su Mkhitaryan, che dal limite batte il portiere. Pau Lopez al 27' smanaccia di pugno un corner insidioso. Al 29' Pellegrini calcia al volo dal limite su respinta di Silvestri, che si oppone ma serve Mayoral che non sbaglia un facile tap in. Alla mezzora Mkhitaryan sfida tutta la difesa, ma il suo tiro termina alto. Verona stordito dai tre colpi ravvicinati incassati. Gli ospiti provano a riorganizzarsi, ma faticano a rendersi pericolosi. 

SECONDO TEMPO - L'Hellas prova a spingere, ma i padroni di casa sembrano controllare. Largo il destro di Spinazzola al 50' dall'interno dell'area. Gli ospiti non riescono ad eludere la pressione della Roma. Bel servizio di Mkhitaryan per Veretout al 54', che in qualche modo calcia nonostante la copertura di Tameze e la palla termina alta. Contropiede Roma al 58', ma Silvestri dice di no a Spinazzola arrivato a tu per tu. Al 61' gli ospiti recuperano palla sulla trequarti, Bessa pesca in area Colley, che di testa schiaccia e segna. I gialloblu cercano di cavalcare il momento per riaprire definitivamente la partita. Altra ripartenza giallorossa al 65', Spinazzola se ne va e porta alla conclusione Veretout: para Silvestri. Colley si rimontare da Spinazzola al 67' e sfuma una buona occasione. Alta la girata di Colley al 69'. Lasagna colpisce male al 76' l'invitante assist di Dimarco. Meno incisivi i padroni di casa quando entrano in possesso e più votati a gestire il match. Termina largo il tiro di Veretout da fuori all'82'. All'89 Barak serve Lasagna, ma il suo tiro ad incrociare viene deviato in angolo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma - Hellas Verona 3-1 | Tre "sberle" in nove minuti e i gialloblu vanno KO

VeronaSera è in caricamento