Parma - Hellas Verona 1-0 | Andati subito sotto, i gialloblu non riescono a rimontare

Dopo circa 30 secondi di gioco la squadra di Juric è andata sotto nel risultato per opera di Kurtic: vani i successivi tentativi di rimettere in parità la sfida e al Tardini è così arrivata la prima sconfitta stagionale

Dimarco in azione al Tardini - Foto Ansa

La prima sconfitta stagionale per l'Hellas Verona è arrivata nella terza giornata di Serie A, allo stadio Tardini, dove il Parma si è imposto con il punteggio di 1-0. 

Pronti via e la formazione di Juric si è trovata subito sotto nel risultato, con Dimarco che ha perso le tracce di Karamoh, il quale è entrato in area e ha potuto servire Kurtic a due passi dalla linea di porta. Una doccia fredda per gli ospiti che ci hanno messo qualche minuto ad ingranare e a prendere in mano il pallino del gioco, mentre l'undici di Liverani ha abbassato il proprio baricentro e cercato soprattutto di colpire in contropiede. I tentativi di allargare le maglie degli avversari messi in atto dagli scaligeri hanno permesso loro di creare qualche varco e creare anche delle nitide occasioni, come quella di Faraoni al 22', che ha visto il miracoloso salvataggio di Pezzella. Un buon Ilic ha cercato di far dimenticare l'assenza di Veloso e quasi non manda in porta un Favilli molto voleteroso, ma anche piuttosto impreciso, mentre Dimarco ha confermato le buone cose fatte vedere in questo avvio di stagione, dopo la sbandata iniziale. 
Ancora lontani dai ritmi forsennati della scorsa stagione, i gialloblu hanno continuato con i loro tentativi di spostare la difesa avversaria per attaccarla poi sul lato debole, senza riuscire a cogliere i frutti sperati. Nel finale di frazione il Parma ha cercato di tenere maggiormente la sfera per evitare più pericoli possibile e quasi una "dormita" di Tamezé in area non ha regalato il doppio vantaggio ai padroni di casa. Nel finale Juric è stato costretto a sostituire Lovato con Lazovic, a causa di un problema muscolare. 

Diverso l'atteggiamento dei ducali ad inizio secondo tempo, meno attendista e più propositivo, che ha portato ad un sostanziale equilibrio per diversi minuti. Ci ha messo un po' infatti l'Hellas a ritrovare ritmo e i cambi di Liverani hanno complicato ulteriormente le cose: il tecnico infatti è andato a rinfoltire la difesa e le corsie laterali, dove gli avversari avevano spesso trovato la superiorità numerica, riuscendo anche ad accentrarsi e a rendersi pericolosi. 
Eppure il Verona le occasioni è riuscito comunque a crearle, come quella clamorosa di Favilli che al 76' non è riuscito a mettere dentro il cross di Colley da due passi, o il mancato impatto con il traversone di Ilic al 90', con Sepe fuori causa per un'uscita sbagliata. 

Sconfitta forse troppo pesante per l'Hellas Verona, almeno per quanto visto in campo. La formazione di Juric ha pagato a carissimo prezzo uno dei pochissimi svarioni della sua retroguardia e non è riuscita ad approfittare di quelli della difesa di Liverani. Il tecnico in ogni caso ha ancora da lavorare per ritrovare certi automatismi e abituare i nuovi arrivati al gioco della sua squadra: in diverse fasi infatti la manovra è sembrata troppo lenta e prevedibile. 
Con la Serie A ferma nel prossimo weekend per la pausa delle nazionali, i gialloblu si devono prepare all'incontro con il Genoa previsto per la settimana dopo. 

Il tabellino

PARMA - HELLAS VERONA 0-0

PARMA (4-3-1-2): Sepe; Laurini (dal 63' Darmian), Bruno Alves, Dermaku, Pezzella; Hernani (dal 63' Gagliolo), Brugman, Kurtic (dal 74' Grassi); Kucka; Karamoh (dal 63' Cornelius), Gervinho.
A DISPOSIZIONE: Colombi, Balogh, Dezi, Valenti, Ricci, Inglese, Sprocati, Adorante. ALLENATORE: Fabio Liverani

HELLAS VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Cetin, Gunter, Lovato (dal 45' pt Lazovic); Faraoni, Tameze, Ilic, Dimarco; Baràk (dal 58' Salcedo), Zaccagni (dal 58' Colley); Favilli.
A DISPOSIZIONE: Berardi, Pandur, Udogie, Terracciano, Lucas, Ruegg, Vieira, Tupta, Calabrese. ALLENATORE: Ivan Juric.

ARBITRO: Antonio Giua di Olbia. 

AMMONITI: Bruno Alves, Dimarco

La cronaca

PRIMO TEMPO - Al 1' Karamoh sfugge a Dimarco e si invola sulla sinistra, per poi premiare l'inserimento di Kurtic che da due passi non sbaglia. Sempre Karsmoh al 4' rientra sul mancino e calcia, ma la sfera viene messa in angolo. Al 6' Tamezè penetra in area dalla destra e calcia sul primo palo da posizione defilata, ma Sepe fa buona guardia. Il Verona cerca di scuotersi dopo la doccis fredda iniziale. Gran filtrante di Ilic per Favilli al 10', ma Sepe para e il guardalinee alza la bandierina. Al 14' Brugman sul palo salva dalla spizzata di Lovato su corner. È l'Hellas a tenere in mano il pallino del gioco in questa fase, con i ducali ben chiusi in attesa della ripartenza. Al 21' ci prova Barak da fuori, ma la conclusione è centrale. Faraoni al 22', servito in area da Dimarco, calcia a botta sicura, ma Pezzella sulla linea mette in angolo. Al 24' ci prova ancora Favilli, ma il suo sinistro è fuori. Azione personale di Gervinho al 28', ma strozza il destro. Gli ospiti continuano a fare la partita, alla ricerca del giusto varco. Nel finale di frazione il Parma cerca di tenere la sfera e di avvicinarsi alla porta scaligera, senza creare veri pericoli. Tamezè al 44' si addormenta in area e Kucka gli soffia la sfera, parte così un flipper e i gialloblu rischiano l'autogolo. Al 45' Lovato è costretto ad uscire per un infortunio: al suo posto Lazovic. 

SECONDO TEMPO - Padroni di casa meno attendisti in questo inizio di ripresa. Sepe respinge il tiro-cross di Dimarco al 53'. Subito dopo Silvestri dice di No al tiro di Kurtic. Match equilibrato, con il Verona che prova a trovare il ritmo. Fuori il colpo di testa di Favilli al 60'. Il Parma cerca di serrare i ranghi con i cambi, mentre Juric spinge in avanti i suoi, che non riescono a creare veri pericoli in  questa fase. Silvestri al 72' chiude Gervinho lanciato in progressione. Fuori non di molto il tiro di Kucka al 74'. Nessuno riesce a spizzare l'invitante punizione di Dimarco al 76', così' come nessuno riesce a deviare in porta il cross di Colley. Parma in contropiede all'84', ma Silvestri respinge il tiro di Brugman. Sepe blocca il colpo di testa di Favilli all'87'. Nessuno colpisce il cross di Ilic al 90', nonostante l'uscita a vuoto di Sepe. Ultimi assalti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento