Martedì, 16 Luglio 2024
Eventi

Le religioni del mondo si uniscono grazie alla musica

Domani, ale 20.45 al polo Zanotto, concerto gratuito per scoprire le tradizioni delle varie dottrine

Un viaggio tra le religioni e i credo del mondo attraverso la musica. Uno studio delle sacre scritture sotto una lente d'ingrandimento tutta musicale. Armonie di note che aiuteranno a riscoprire le origini e la cultura di numerosi popoli saranno riprodotte giovedì 3 novembre alle 20.45 nell'aula magna del polo Zanotto in occasione di “Canti la voce, canti la vita”, un’iniziativa del master universitario in Antropologia e Bibbia attivato dall'università di Verona e dalla facoltà teologica del Triveneto. Artisti di fama internazionale, soprano, tenori e ballerini daranno il loro contributo per rendere unica una serata che si prefigge di unire tutti i popoli sotto la magia del canto, della danza e di antiche e storiche melodie. Uno spettacolo “nel tempo e tra le genti”, diretto da Cristina Antonini, compositrice e promotrice di studi e ricerche sul canto sacro al conservatorio di Vicenza, nonché creatrice di seminari e corsi in collaborazione con le comunità ebraiche, le chiese ortodosse e le religioni orientali. Ingresso libero.

Il concerto, in bilico tra arie solenni e liriche originali, compirà un metaforico cammino tra le religioni di tutto il mondo: dai canti sinagogali di Angel Harkatz, della comunità ebraica di Verona, passando per la liturgia russa del tenore Roman Lykov, fino allo spettacolo di ballo indiano-induista “La danza degli dei”. Ma anche religione cattolica, grazie ai canti giapponesi di Rie Abe, soprano della chiesa dei monasteri e buddhismo e al laudario di Cortona di Paola Rossi, contralto della chiesa medievale Laudi e Cantigas; culto ortodosso, con gli inni della chiesa ortodossa bizantina di Athanasios Papadimitriou e della comunità ortodossa rumena di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le religioni del mondo si uniscono grazie alla musica
VeronaSera è in caricamento