"Il lago dei cigni" il 1° gennaio al Teatro Nuovo con il corpo di ballo di Mosca

Anche quest'anno, durante le festività natalizie, torna il corpo di ballo di Mosca nella città scaligera, presso il Teatro Nuovo, con due celeberrimi spettacoli: Lo Schiaccianoci, il 25 dicembre, alle ore 21:00 e Il lago dei cigni, il primo gennaio, sempre alle ore 21:00.

Il nuovo anno si aprirà con  Il lago dei cigni , forse il balletto più famoso al mondo che continua a mantenere intatto il suo fascino, grazie al doppio ruolo interpretato dalla medesima ballerina: nei panni di cigno bianco, Odette, e di cigno nero, Odile. Questo sdoppiamento induce a riflettere sulla personalità di ogni essere umano, non sempre luminosa, ma cosparsa da zone d'ombra, talvolta perturbanti.

La sinfonia struggente e drammatica che dà inizio allo spettacolo viene eseguita a sipario abbassato. Questa sorta si ouverture, ovvero il tema del cigno, risuonerà durante l'intero balletto.

INFORMAZIONI

Il principe Sigfried, durante una battuta di caccia, vede un cigno e, mentre tende il suo arco per colpirlo, lo vede trasformarsi in una splendida ragazza, Odette, la quale gli rivela di essere vittima di un sortilegio dello stregone Rothbart che la condanna ad essere un cigno di giorno e le concede di riottenere le sue sembianze umane solo durante la notte. Il principe, rimanendo incantato dalla bellezza della fanciulla, se ne innamora. Odette rivela a Sigfried che il terribile maleficio verrà spezzato solo qualora un uomo la chiedesse in sposa. Il principe, non perdendo tempo, invita ad un ballo di corte la ragazza per chiederle la mano. Il perfido stregone, però, si presenta con la figlia Odile, trasformata in Odette, per ingannare Sigfried che, scambiandola per la ragazza conosciuta, la chiede in moglie. Nel momento in cui il principe pronuncia la sua promessa, la vera Odette, giunta a palazzo, lo vede e, disperata, scappa cercando conforto tra le ragazze-cigno sul lago. A quel punto, il mago esultante si trasforma in civetta e fugge dal palazzo. Sigfried, resosi conto dell'inganno, va alla ricerca di Odette. La fanciulla, destinata alla morte, piange il destino crudele, ma il giovane principe lotta strenuamente con Rothbart, riuscendo a sconfiggerlo. L'incantesimo si rompe e Odette torna umana per sempre, potendo così vivere il suo amore con il principe.

La Compagnia del Teatro di Mosca si esibisce con successo sui palcoscenici di tutto il mondo, riscontrando particolare successo in Olanda, Germania, Stati Uniti, Inghilterra, Spagna, Cina, Taiwan e in Giappone. A questa entusiasmante produzione parteciperanno i ballerini solisti del Teatro Opera e Balletto di San Pietroburgo Kristina Kochetova e Oleg Kashantov.

Lo Schiaccianoci, Il lago dei cigni e La bella addormentata, appartengono alla trilogia nata dalla collaborazione tra il coreografo Marius Petipa e il geniale compositore Čajkovskij.

Imperdibili, quindi, gli appuntamenti con la magia del balletto classico.

Prevendita botteghino Teatro Nuovo Tel 0458006100

Infoline: 3341891173

www.moscowballet.eu

Biglietti online: www.geticket.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Fondazione Aida presenta lo spettacolo per ragazzi "Dov'è finita la mia ombra"

    • 18 aprile 2021
    • Online

I più visti

  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Alla Galleria d'Arte Moderna la mostra dedicata a Ugo Zannoni a Verona

    • dal 2 febbraio al 31 dicembre 2021
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti
  • "Lavatoi, busi e...sparasine", escursione guidata tra gli angoli suggestivi di Avesa

    • 18 aprile 2021
    • Appuntamento in Via Messer Ottonello, dietro la Chiesa di San Martino ad Avesa
  • Palazzo Maffei Casa Museo a Verona propone "La scienza nascosta nell'arte"

    • Gratis
    • dal 13 novembre 2020 al 15 giugno 2021
    • Online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    VeronaSera è in caricamento