Frantoio Bonamini: l’Italia vincente

«È stata una grande sfida, l’abbiamo raccolta e, oggi, possiamo dire con fermezza che l’abbiamo vinta»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Il 9 marzo scorso, come tutti sapete, è stato dichiarato il lock-down a livello nazionale. Frantoio Bonamini vive in una realtà così lontana dai ritmi frenetici delle città che non è stato facile rendersi conto che il mondo aveva, di colpo, rallentato. A Santa Giustina si seguono i cicli della natura e quelli sono per antonomasia lenti e costanti, puntuali ma mai trafelati. Per una volta il resto del mondo si stava adattando a quei ritmi, purtroppo con dovere civile di restare a casa. È stato immediato comprendere che andavano accorciate le distanze.

Grazie alla piccola trasformazione digitale che aveva intrapreso l’anno precedente con la realizzazione dell’e-commerce, Frantoio Bonamini è stato in grado, non solo di mantenere l’attività costante, ma di accrescere i propri introiti. L’avvento del lock-down ha fatto sì che le vendite on-line si impennassero premiando l’impegno, la lungimiranza e la disponibilità di chi ha saputo stare accanto ai propri clienti. I risultati sono stati a dir poco sorprendenti. Rispetto ai mesi di gennaio/febbraio 2020 le vendite sono incrementate del 1344,4% per quel che riguarda gli ordini, con un aumento di nuove registrazioni utente pari al 1205,5%.

Nei soli mesi di marzo e aprile sono stati venduti più di 4200 prodotti, più di 70 prodotti al giorno. I Best sellers sono stati il Pesto Riviera Fresco, di basilico fresco prodotto artigianalmente con olio EVO; il San Felice, l’olio 100% italiano, fresco, dove autenticità e benessere sono protagonisti, che si abbina ad ogni pietanza sulle tavole di tutti i giorni; il Santa Giustina, prodotto con gran parte di olive verdi, che regala una sensazione di freschezza, nonostante il gusto forte e deciso, e infine gli oli aromatizzati all’aglio e al peperoncino. Cosa ha compreso Frantoio Bonamini da questa esperienza? Che il lock-down ha portato gli italiani a riscoprire il cibo sano, fatto con cura e acquistato dai piccoli produttori, capaci di fornire un servizio diretto, veloce e di qualità. Attraverso la cucina sana hanno re-imparato a prendersi cura di se stessi, dedicando non solo tempo, ma anche attenzione agli acquisti on-line, affinché portassero un valore aggiunto in famiglia: quello della condivisione dei sapori genuini della tradizione. Ed è solo l’inizio di questo ricalibrato e consapevole consumo.

Torna su
VeronaSera è in caricamento