rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità Centro storico / Via Cappello

A Verona ospiti internazionali, novità editoriali e una mostra su Joan Miró per la rassegna "Libri e rose"

Dal 2 al 5 maggio una ricca programmazione di presentazioni in anteprima nazionale, maratone di lettura, mostre a tema e ospiti di caratura internazionale. Tra i più attesi Piero Dorfles, Helena Janeczek e Salvatore Settis. Nei cent’anni dalla nascita, anche un focus speciale dedicato al veronese Walter Chiari

Quattro giorni di incontri per presentare le ultime novità fresche di stampa, maratone di lettura, mostre a tema e appuntamenti per il pubblico di tutte le età. La manifestazione letteraria Libri e rose. Scrivere, stampare, leggere torna ad animare Verona dal 2 al 5 maggio 2024 per la sua terza edizione. L'ingresso a tutti gli incontri è gratuito e senza prenotazione fino a esaurimento posti.

Una festa del libro e della lettura divenuta un appuntamento atteso che porta in città scrittrici e scrittori come il premio Strega Helena Janeczek e il premio Campiello Marco Balzano, giovani autori amati da critica e pubblico come Francesca Diotallevi, ma anche lo scienziato del Cern Guido Tonelli, la giornalista irlandese Sally Hayden e l’archeologo di fama internazionale Salvatore Settis.

Organizzata dal Comune di Verona con la Società Letteraria di Verona e la Kasa dei Libri, con la sponsorizzazione tecnica del Gruppo Flover, a cura di Andrea Kerbaker e Daniela Brunelli, la kermesse si svolge in alcuni degli indirizzi più prestigiosi della città veneta, in concomitanza con il Maggio dei Libri: la Biblioteca Civica di Verona, sede principale, assieme al Conservatorio di Verona e alla Società Letteraria di Verona.

Mantenendo un tono divulgativo e leggero ma sempre all’insegna dell’assoluta qualità, Libri e rose vuole dare un ampio assaggio di alcune tra le novità letterarie e delle diverse tendenze della scrittura contemporanea, favorendo momenti di dibattito sui principali temi di attualità. «Verona per quattro giorni si veste di libri, dialoghi e incontri con gli autori - ha sottolineato l’assessora alla cultura Marta Ugolini -, nel tentativo trasformare la lettura di un libro in un momento di socialità e di condivisione, quando nella maggior parte dei casi è vissuta come una esperienza personale e solitarie. Grazie alla rassegna, infatti, un pubblico variegato di lettori di tutte le età potrà vivere occasioni diverse di conoscenza, divertimento e interazione».

La manifestazione è stata presentata lunedì mattina insieme al curatore Andrea Kerbaker di Kasa dei libri di Milano. Come ormai da tradizione l’apertura della kermesse è affidata a una maratona di lettura ad alta voce alla Biblioteca Civica, che quest’anno è dedicata a "La Metamorfosi" di Franz Kafka, a 100 anni dalla scomparsa dell’autore. Un’occasione corale che coinvolgerà decine di persone scelte tra le diverse comunità di lettori veronesi. «Per l’occasione aprirà in via straordinaria alla domenica la Biblioteca civica - ha dichiarato l’assessora alle Biblioteche Elisa La Paglia - con la presentazione al pubblico di una speciale mostra dedicata a Mirò e con tanti eventi d’incontro con autori e autrici di livello internazionale».

Ad introdurre la lettura sarà lo scrittore triestino Mauro Covacich, appena uscito con un saggio incentrato sulla figura di Kafka. Non manca neppure una mostra a tema, "Joan Miró sulle pagine di Derrière le miroir", con coloratissime e fantasiose litografie originali del pittore catalano, esposte nella Protomoteca della Biblioteca Civica: la inaugurano con una visita guidata Francesca Rossi, Direttrice dei Musei Civici di Verona, e Andrea Kerbaker. Un altro centenario, quello dalla scomparsa del compositore Giovanni Puccini, verrà celebrato nella sede del Conservatorio di Verona con Francesco Cesari e Matteo Giuggioli curatori dell’Epistolario e i cantanti Cristin Arsenova e Pierre Todorovitch, e il maestro Carlo Benatti.

La sezione delle novità editoriali dei mesi recenti è sempre molto ampia e include: Barbara Castiglioni, giovane e brillante studiosa dell’antichità classica, che presenterà "Amore e Psiche. L’enigma dell’amore", Gianni Biondillo con "Quello che noi non siamo", fresco vincitore del premio Bagutta, Cristina Battocletti, firma autorevole de Il Sole-24Ore, con "Epigenetica" e Piero Dorfles, critico letterario e conduttore televisivo, con "Chiassovezzano".

Verranno affrontate poi alcune delle tematiche più rilevanti del nostro presente, tra storia, scienza e attualità. A guidare il pubblico ci saranno la giornalista d’inchiesta Sally Hayden, che documenta le rotte dei migranti, Giovanni Porzio, reporter e testimone delle vicende del mondo islamico, e lo scienziato del Cern Guido Tonelli, per un viaggio nei segreti della materia, insieme allo scrittore Marco Balzano, per l’incontro "La felicità, questa sconosciuta".

Di anno in anno la proposta di "Libri e rose" si arricchisce di novità: in programma anche una speciale iniziativa per bambini e famiglie, pensata per far divertire i più piccoli con l’arte e le parole, e una sezione di appuntamenti dedicati alla città. È previsto un focus su Walter Chiari, uno degli attori più amati del secolo scorso e nato a Verona 100 anni fa, grazie al giornalista Michele Sancisi che ne presenta la prima completa biografia. Appuntamento poi con gli scrittori Matteo Bussola, Jana Karšaiová e Tim Parks per l’incontro "Scrivere a Verona".

Una festa del libro che include, come nelle scorse edizioni, anche il pubblico dei giovani studenti, per i quali sono stati pensati appuntamenti ad hoc - ma aperti anche al pubblico generico - per approfondire insieme a esperti di fama nazionale alcuni dei maggiori temi proposti dai programmi scolastici. Tra questi, si parlerà di storia attraverso le graphic novel del duo di autori Ciaj Rocchi e Matteo Demonte e di Franz Kafka insieme a Mauro Covacich. Il programma completo degli appuntamenti è disponibile sul sito del Comune di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Verona ospiti internazionali, novità editoriali e una mostra su Joan Miró per la rassegna "Libri e rose"

VeronaSera è in caricamento