menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giacomo Goffredo (Foto Facebook)

Giacomo Goffredo (Foto Facebook)

Disposta autopsia su Giacomo Goffredo, 20enne morto in moto a Verona

Il ragazzo è deceduto in Via Circonvallazione Oriani, all'incrocio con Via Città di Nimes, sbattendo prima contro una Golf e poi contro una Panda, per il mancato rispetto del semaforo rosso

Oggi, 20 luglio, sarà conferito l'incarico dell'autopsia sul corpo di Giacomo Goffredo, il ventenne veronese deceduto sabato sera, 18 luglio, nell'incidente stradale di Via Circonvallazione Oriani. La salma sarà sottoposta all'esame autoptico ed a quello tossicologico, anche per scoprire se il ragazzo fosse lucido mentre si trovava alla guida dalla moto intestata al padre, una Yamaha 600.

Serviranno dunque anche questi esami per ricostruire esattamente la fine di un giovane che amava i motori e la velocità. Gli piaceva correre in moto, come ricordano alcuni cittadini che lo hanno visto crescere a Cadidavid. E correva anche sabato sera, tanto che una pattuglia della polizia lo aveva notato in Corso Cavour ed ha pensato di raggiungerlo per un controllo. Ma nel momento in cui poliziotti hanno fatto manovra per cominciare l'inseguimento, il ventenne aveva già preso la direzione di Piazza Renato Simoni e poi Via Città di Nimes. Sembrerebbe dunque improprio parlare di inseguimento, perché probabilmente Giacomo Goffredo non sarebbe stato consapevole delle intenzioni della polizia. E, quando gli agenti sono arrivati all'incrocio tra Via Città di Nimes e Via Circonvallazione Oriani, l'incidente era già accaduto. 

Un incidente su cui indagano gli agenti della polizia locale, i quali stanno cercando di accertare le responsabilità. Giacomo Goffredo sarebbe sbucato nell'incrocio mentre una Golf sopraggiungeva in direzione Porta Palio. La Yamaha 600 del ragazzo ha sbattuto con l'auto e poi sarebbe finita anche contro una Panda prima di terminare la corsa sul marciapiede. Il ventenne, invece, è rovinato a terra. Alcuni passanti hanno provato a rianimarlo. Poi, sono intervenuti anche i sanitari del 118, ma per il motociclista non c'è stato nulla da fare. Le conducenti della Golf e della Panda non si sono fatte niente, invece. Per loro solo un forte shock. Hanno raccontato di aver attraversato l'incrocio rispettando il semaforo verde. Questo significherebbe che sarebbe stato Giacomo Goffredo a passare con il rosso. Ma su questo sono ancora in corso degli accertamenti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento